6 dicembre 2016

Velletri – Noi, le ragazze degli anni ‘60 al Teatro Artemisio

Indomita, aggressiva, impertinente, ironica, arguta e coinvolgente Grazia Scuccimarra ripropone il suo classico “Noi, le ragazze degli anni ‘60”, uno spettacolo che oggi compie trentatre anni ed ha al suo attivo più di duemila repliche.

E dunque a cosa è dovuto tanto successo? Senza ombra di dubbio alla sua creatrice. Grazia Scuccimarra, attrice comica di straordinaria intelligenza e cultura, sa come prendere il suo pubblico, lo travolge con la sua verve, con la sua maliziosa analisi su i pregi e i difetti di chi ci circonda, con la sua critica spietata della politica e della società. Ma sempre in modo gradevole ed attraverso un esilarante e serrato dialogo con il pubblico, che la adora, si riconosce nelle tante situazioni che racconta, si sbellica dalle risate.

Ma chi erano le ragazze dei Sessanta e in cosa erano diverse da quelle di oggi? Certo parliamo di un periodo del dopoguerra, allegro, spensierato e onesto in confronto a questo abbastanza sguaiato e volgare. E le ragazze sono evidentemente diverse; il filo conduttore dello spettacolo si snoda dall’adolescenza delle ragazze degli anni ’60 fino ai giorni nostri, con un interrogativo costante: che fine hanno fatto le ragazze degli anni ’60? Ed è qui che la Scuccimarra si sbizzarrisce nel ripercorrere il loro modo d’essere giovani, amare, vestire, studiare, sognare, atteggiarsi, fare politica e muoversi nel sociale, in un continuo ed esilarante confronto con i tempi attuali.

“…Come una frustata, la parola e i gesti della protagonista si abbattono sui personaggi e sulle vicende degli anni sessanta…”. Ciò che caratterizza lo spettacolo è sicuramente l’attualità dei temi, “…lo scopo della Scuccimarra era di mettere alla berlina della comicità la condizione sottomessa della donna, che poi è riuscita a liberarsi, almeno in parte, da un dominio che a pensarci bene mortificava  più l’uomo…”.

Tutto ciò la Scuccimarra ce lo presenta  servendosi di una fine satira e rifuggendo da volgarità e da contestazioni banali.

musiche: Grazia Scuccimarra, arrangiamenti: Pino Cangialosi, luci: Flavio Bruno.

Grazia Scuccimarra è autrice di ventisei spettacoli: Successo (1979), Tutto è cultura…anch’io (1980), Maschia (1981), Gioiamia (1982), Noi, le ragazze degli anni sessanta (1982),…e io scrivo a Pertini (1984), Verdinvidia (1985), A noi due signora (1986), Tuttoesaurito (1987), Su e giù per le rotte sca(to)le (1988), Graziaditutto (1989), Una ragione c’è sempre (1990), Fuorimisura (1991), Però ci amiamo (1994), Figurati adesso (1995), Ho perso il filo (1997), Superenaletto ( 1999), Manca Molto (2000), Caro amico John (2002), Sono una donna lacero confusa (2003), Occhebello macchebravi (2005), Facce di bronzo (2007), Ma no, ma su, ma dai, ma non ci posso credere! (2008), Zittitu (2008), Belladentro (2010), Chiedo i danni (2013)

About Samantha Lombardi 4017 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it