4 dicembre 2016

Palidoro – Poggio: “Borgo, una perla in rovina”

[quote font=”0″ arrow=”yes”]

Degrado e incuria ovunque. Residenti senza servizi, manca anche l’allaccio gas. Che fine hanno fatto gli interventi promessi dalla Regione?

Su richiesta di alcuni residenti questa mattina ho svolto un sopralluogo all’interno del Borgo medievale di Palidoro, tra i più caratteristici e affascinanti del Lazio. Una delle tante perle del nostro comune abbandonate a se stesse tra degrado e incuria.

L’ultima protesta risale a un anno e mezzo fa circa. Era gennaio dello scorso anno quando Regione Lazio, proprietaria degli appartamenti all’interno del Borgo, e l’amministrazione comunale si sbracciarono promettendo interventi di ristrutturazione imminenti. Passato il clamore, passato anche l’interesse.

Il piano di ristrutturazione del Borgo che risente dei mancati interventi e del tempo che passa è fermo al palo. Idem il piano di dismissione e vendita degli appartamenti. Rimangono però i problemi: infiltrazioni negli appartamenti, illuminazione carente, mancanza dei servizi più elementari. Il gas per esempio. Non c’è alcun tipo di allaccio: esercizi commerciali e appartamenti devono continuamente adoperare le bombole. Poi l’acqua: decine di casali sono allacciati alla vecchia condotta, ormai logora, sulla quale la Regione Lazio non è mai intervenuta pur di fronte a diverse rassicurazioni. Risultato: acqua a giorni alterni. Ogni tanto c’è, ogni tanto non c’è. Qualsiasi cosa diventa un’Odissea. E la Regione Lazio? Tace.

Non va meglio per i servizi. Le fermate autobus continuano a essere pericolose e i residenti costretti a sostare in mezzo alla via Aurelia con tutti i rischi del caso. Degrado e incuria la fanno da padrona. Le discariche abusive, alla faccia dell’ordinanza anti-degrado, spuntano come funghi. Ora anche all’interno dei fossi che in caso di forte pioggia rischiano di ostruirsi e allagare tutto.

Per ultimo la scuola elementare. Il giardino interno è una foresta, con erba ormai decisamente troppo alta. Peggio all’esterno con un folta vegetazione: una tana ideale per serpenti, topi e insetti. Un quadretto che cozza decisamente con le promesse snocciolate dalla campagne elettorale dal sindaco Montino. Qualcosa se può batta un colpo.

[/quote]

Lo dichiara il capogruppo di Forza Italia in consiglio comunale, Federica Poggio