6 dicembre 2016

Breve storia dei Gran Premi negli U.S.A.

Il Campionato del Mondo MotoGP™ sta per disputare il 27º GP negli Stati Uniti, che si corse per la prima volta a Daytona nel 1964.

Lo scorso 2 febbraio si è celebrato il 51º anniversario dalla prima visita del Campionato del Mondo su un circuito statunitense. Il primo GP degli Stati Uniti si disputò infatti nel 1964 a Daytona (Florida), con la seconda edizione l’anno successivo. Dopo le vittorie dell’indimenticabile Mike Hailwood nella 500cc e di Alan Sheperd nella 250cc, per oltre tre decadi i prototipi a due ruote non corsero sul suolo americano.

Il ritorno in pompa magna si ebbe nel 1988 in un altro tempio del motociclismo, dal disegno straordinario: Laguna Seca (California). Era quella l’epoca dei due tempi e degli eroi americani; in quell’occasione, l’idolo di casa Eddie Lawson ottenne una grande vittoria che gli spianò la strada verso il terzo dei suoi quattro titoli mondiali in 500cc.

Il tracciato californiano di Monterey aveva una sezione (il mitico “Cavatappi”, presente ancora oggi) particolarmente impegnativa; ma i campioni americani continuavano a brillare: nella classe 250cc il successo andò alla wild card Jim Filice, in sella alla Honda NSR 250 HRC preparata da Erv Kanemoto.

Nelle successive edizioni la vittoria nella classe regina continuò ad essere prerogativa dei protagonisti a stelle e strisce, come Wayne Rainey e John Kocinski, fino a quando nel 1994 Luca Cadalora riuscì a rompere quell’incantesimo che aveva negato ai piloti europei di salire sul gradino più alto del podio di Laguna Seca.

Il GP degli U.S.A. conobbe una nuova pausa tornò a disputarsi solo un decennio più tardi nel 2005, sempre a Laguna Seca, ma stavolta con la classe regina MotoGP™, che nel frattempo aveva sostituito la 500cc. Tra tutti i piloti in griglia in quell’occasione, il solo Loris Capirossi aveva corso l’ultima volta su quello stesso scenario.

Ancora una volta, fu un americano a trionfare sul circuito di casa, con Nicky Hayden che conquistò la sua prima vittoria nella classe regina. “Kentucky Kid” si superò l’anno successivo, concedendo il “bis” a Laguna Seca nella stagione del suo titolo iridato in MotoGP™.

Nel 2007 Casey Stoner fu il primo non-americano a vincere la gara degli U.S.A. nell’era moderna, mentre l’anno successivo il canguro fu costretto a inchinarsi a Valentino Rossi, dopo un emozionante duello che toccò il suo apice proprio al “Cavatappi”. La vittoria di Laguna Seca consegnò a entrambi una marcia in più nella conquista del rispettivo titolo iridato.

Dal 2008 al 2012, si affiancò anche il GP di Indianapolis, e dal 2013 anche il nuovo Circuito delle Americhe (COTA, costruito ad Austin, in Texas): fu quella anche l’ultima stagione in cui si corse a Laguna Seca. Quell’anno si disputarono dunque ben tre GP negli Stati Uniti, tutti “territorio di caccia” del rookie Marc Marquez.

Non domo, il talento di Cervera si è imposto su entrambi i circuiti anche nella scorsa stagione 2014. Dopo la falsa partenza in Qatar due settimane or sono, tutto lascia presagire un’altra cavalcata trionfale del Campione del Mondo in carica.

Fonte: MotoGP.com

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5959 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.