7 dicembre 2016

Ktm Duke 390: in medio stat virtus

Vuoi per i costi di gestione bassi, vuoi perché è possibile risparmiare molto sul premio assicurativo, le piccole cilindrate rappresentano di nuovo una fetta importante del mercato. La Ktm è stata tra le prime a credere nel ritorno di questo filone e la gamma Duke rappresenta un’interessante proposta. Grazie alla Twins di Via Nuova Poggioreale n°58, concessionaria ufficiale a Napoli del marchio di Mattighofen, abbiamo avuto modo di testare su strada, tra il centro partenopeo e il cuore della Costiera Amalfitana, la Duke 390.

Il motore è un compatto monocilindrico bialbero raffreddato a liquido, cambio a sei marce, che eroga 44 cavalli a 9.500 giri con una coppia di 35 Nm a 7.250 giri. La ciclistica vede un telaio a traliccio con forcellone in alluminio con nervature a vista; le sospensioni sono della WP, con forcella up side down da 43 mm. I cerchi sono entrambi da 17 pollici; all’anteriore c’è uno pneumatico da 110/70 mentre al posteriore è da 150/60. L’impianto frenante è griffato ByBre (creato dalla Brembo per i mercati asiatici), con disco singolo all’anteriore da 300 mm e disco posteriore da 230 mm; presenta la chicca dell’ABS.

La strumentazione, molto compatta, è tutta digitale e indica oltre le canoniche informazioni anche la marcia inserita, i consumi immediati e la media degli stessi, l’autonomia di viaggio e la spia della cambiata. Non sempre, però, risulta leggibile, in quanto soffre i raggi di sole diretti. La sella di chi guida è spaziosa ma un pochino dura; indietro lo spazio riservato è solo sufficiente. Il manubrio regala una sensazione di padronanza, che aiuta in ogni frangente. In città la Duke 390 è molto agile e le sospensioni filtrano più che discretamente le asperità.

Anche se il motore ama girare in alto, le prime tre marce sono perfette per le continue ripartenze dal semaforo o in fila; il cambio è morbido e preciso. Le vibrazioni non infastidiscono mai. Se si aggiunge un baule posteriore come accessorio, la piccola naked Ktm potrebbe sostituire tranquillamente gli scooter nell’utilizzo quotidiano. Quanto mansueta nel traffico, tanto aggressiva e divertente sulle strade extra urbane. Quando le curve diventano piacevoli geometrie da percorre, la simbiosi mono/telaio esalta il piacere di guida. Leggera, precisa, rapida nello scendere in piega, sicura nelle staccate, la Duke 390 diventa un giocattolino molto ma molto adrenalinico. E’ divertentissimo giocare con lei, perché si scopre una dimensione umana delle prestazioni.

Per sorridere in sicurezza lei è ottima. L’autostrada non è proprio il terreno ideale della nuda Ktm, perché la sella dura e l’assenza di un riparo aerodinamico, consigliano di regolare la velocità intorno ai 100 Km/h, pena eccessiva fatica. Nei curvoni e sulle giunture mal curate dai gestori auostradali, la due ruote austriaca prodotta in India si mostra sempre all’altezza. I consumi che abbiamo verificato, parlano di una media di ben 29 chilometri con un litro di benzina; non male vista l’enfasi del motore. Abbiamo anche verificato il funzionamento dell’ABS; rassicura e aiuta non poco, specie se chi vi è davanti all’improvviso decide di svoltare senza alcun preavviso. In sintesi la Ktm Duke 390 è una moto divertente, sicura e graziosa.

È adatta sia per i giovani che vogliono continuare a fare esperienza ma iniziare ad assaporare un mezzo veloce, sia per il gentil sesso, sia per chi vuol ritornare ad avere nel box una due ruote che abbini il divertimento all’economia di gestione.

[flickr_set id="72157651390962619"]
Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5980 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.