8 dicembre 2016

Roma – Comunicato Sindacale dell’USI

L’USI presente con proprie RSU al Comune di Roma (in lista con USB) e con RSU/RSA e delegati in molte aziende partecipate e affidatarie di servizi comunali (FARMACAP, ROMA MULTISERVIZI spa, CANILI COMUNALI, RISORSE PER ROMA, AMA, ISTITUZIONI BIBLIOTECHE, COOP. SOCIALI …)

CONDANNA
le scelte dell’AMMINISTRAZIONE COMUNALE votate dalla maggioranza dell’Assemblea capitolina (PD e SEL) sia con le DELIBERE PROPEDEUTICHE AL BILANCIO 2015, che con il MAXI EMENDAMENTO FINALE, in quanto nel tentativo di fare i primi della classe e recuperare già nel 1° anno dei tre previsti dal PIANO DI RIENTRO, il DEBITO, si è fatto approvare un BILANCIO DI LACRIME E SANGUE che taglia oltre 300 MILIONI ai servizi, alla cultura, alla scuola e al personale … IMPONENDO inoltre le DISMISSIONI DI VARIE AZIENDE COMUNALI (dalla ROMA MULTISERVIZI alle ASSICURAZIONI DI ROMA …) o la loro TRASFORMAZIONE IN SPA (come per la FARMACAP) con un costo enorme sia per la cittadinanza che per lavoratori-trici, in termini di tagli ai servizi, di peggioramento della loro qualità, che in termini di licenziamenti.
L’USI DENUNCIA IL RIFIUTO
da parte dei consiglieri di maggioranza (PD e SEL) di INCONTRARE UNA DELEGAZIONE dei manifestanti il 19 marzo 2015, per ascoltare prima del voto in aula, le richieste dei cittadini e dei lavoratori e lavoratrici, dimostrando un distacco netto tra le promesse elettorali di un coinvolgimento democratico e partecipato dal basso e la realtà di una situazione di netta chiusura o di costanti rinvii (vedi l’esperienza dei 48 licenziati dalla Multiservizi), per appoggiare le lobbies che continuano a controllare la nostra città e che riusciranno ad acquisire a prezzi di svendita i pezzi pregiati, gruppi di potere che in molti casi sembrano ancora interni alla rete di MAFIA CAPITALE, che ha imprigionato ROMA, una rete che ancora si estende, cambiano i nomi degli attori anche nella gestione di subappalti o di affidamenti alle cooperative, NON DIMENTICANDO LO SCANDALO DELLA COSTRUZIONE DEL METRO C o di tante opere inutili.
L’USI RICORDA LA GRANDE VITTORIA AL REFERENDUM DEL 25 MARZO SULLA PREINTESA DEL CONTRATTO DECENTRATO imposto dalla GIUNTA del triumvirato MARINO/SCOZZESE/NIERI e dai suoi pretoriani (CGIL e CISL), da parte del fronte del NO di cui l’USI è stato uno dei primi sostenitori, per cui CHIEDE LA RIAPERTURA DELLA CONTRATTAZIONE DECENTRATA AZIENDALE con l’ammissione di tutte le strutture, avendo dimostrato che dove è possibile votare liberamente si può riuscire a sconfiggere anche la GIUNTA.
L’USI DENUNCIA LA CIRCOLARE DEL DIPARTIMENTO POLITICHE SCOLASTICHE ED EDUCATIVE (QM 4982) del 27 marzo 2015, che cerca con un atto non conforme alle leggi, di imporre un aumento dell’orario di servizio delle insegnanti, di penalizzare educatrici ed insegnanti di fatto danneggiando i piccoli utenti, riducendo sempre più le possibilità di lavoro delle precarie e per tutto questo NE CHIEDE IL RITIRO.

L’USI CHIEDE L’APERURA DI TAVOLI SINDACALI PER DARE SOLUZIONE ALLE TANTE SITUAZIONI ANCORA RIMASTE APERTE (Farmacap, lavoratori del Comune dagli anagrafici ai bibliotecari, dalle educatrici alle insegnanti, al personale dei servizi anagrafici e di stato civile, canili comunali, MULTISERVIZI anche per i 48 licenziati, dipendenti AMA …) con l’inserimento di clausole sociali per la SALVAGUARDIA OCCUPAZIONALE a garanzia di tutti i lavoratori e lavoratrici occupati/e, il sindacato autorganizzato chiede dove possibile, la verifica per l’INTERNALIZZAZIONE dei servizi e degli operatori e l’applicazione della Legge 147/2013.

L’USI RILANCIA LA MOBILITAZIONE UNITARIA CON UNA NUOVA MOBILITAZIONE CITTADINA SOTTO FORMA DI ASSEMBLEA SINDACALE E PUBBLICA PER IL 14 APRILE 2015 IN PIAZZA DEL CAMPIDOGLIO NEL PRIMO POMERIGGIO, invitando reti, coordinamenti e strutture a convergere per proseguire la LOTTA. contatti prof. segr. Regionale Giuseppe Martelli 3395001537, Serenetta Monti delegato sind. USI 3775078494

riceviamo e pubblichiamo