9 dicembre 2016

Calcio – La conferenza stampa di Allegri

“Credo che due terzi dello scudetto passeranno tra la partita di domani e quella di Parma”. Basta questa frase di Massimiliano Allegri per capire quanto sia importante la sfida contro l’Empoli.
“Pirlo è in ritardo nel recupero, perché abbiamo cercato di tutelare al meglio il problema al polpaccio. Quindi, domani non sarà a disposizione e difficilmente, quasi sicuramente non lo sarà neanche per martedì. Riguardo Pogba, passerà ancora un bel po’ di tempo prima di rivederlo in campo. Speriamo il prima possibile, visto che ha 22 anni e i tempi si possono accorciare. Asamoah sta andando benino, potrebbe essere un regalo di fine stagione, mentre. Romulo tornerà la prossima settimana dall’ultimo controllo in Brasile e quindi speriamo di averlo a disposizione, anche s è tanto che non gioca. Caceres è fuori e non rientrerà per il finale di stagione, mentre Marchisio sarà a disposizione dalla prossima settimana. In campo con la Fiorentina? Vedremo. L’importante è che il ginocchio stia bene. Tra l’altro credo non sia stato semplice passare da un crociato rotto a un ginocchio sano, psicologicamente ha avuto un bel contraccolpo”.
“Per la formazione domani ci sono molti punti interrogativi. Ieri sono rientrati gli ultimi due Nazionali, Tevez e Pereyra e quindi oggi dovrò valutare le condizioni di entrambi e di tutti gli altri, nell’unico allenamento a disposizione per preparare la partita. Se Tevez sta bene e non ha risentito del fuso orario domani giocherà, ma la partita dura 100 minuti, quindi c’è bisogno soprattutto dei cambi in questo momento della stagione, soprattutto nell’ultima mezz’ora di gara. In avanti comunque stanno tutti bene”.
“L’Empoli ha fatto ottime cose durante questo campionato, viene da otto risultati utili consecutivi utili e dovremo essere bravi e rituffarci con la testa sul campionato dopo la sosta. Siamo a 10 giornate dalla fine e ci mancano ancora un po’ di punti per vincerlo. Fino a questo momento abbiamo fatto un buon lavoro, i ragazzi sono stati molto bravi, però adesso siamo arrivati alla stretta finale, mancano due mesi alla fine della stagione e ci giochiamolo scudetto, la Champions e la TIM Cup. Ora più che mai dovremo essere molto bravi in ogni partita. La condizione mentale è buona e bisogna farla diventare ottima. Per quanto riguarda gli infortuni, avere tutti a disposizione in questo momento sarebbe stato meglio, soprattutto a metà campo dove c’è da fare più fatica e da correre, ma quelli che abbiamo bastano e avanzano”.
(Foto LaPresse)

www.juventus.com

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5989 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.