7 dicembre 2016

Che senso ha questo motociclismo?

Il motociclismo, a mio parere, è la massima espressione divina tra le passioni umane. Un modo di trascorrere i propri giorni che esalta il piacere della vita e le sue emozioni. Il motociclismo è anche uno sport, dove il connubio uomo/macchina non solo riporta alle leggendarie gesta degli antichi cavalieri, ma è un condensato di adrenalina e sacrifici, qualunque sia il livello di confronto tra centauri.

Chi partecipa alle sue sfide, che siano regionali o mondiali, ha come obiettivo primeggiare e migliorarsi. Raramente ho incontrato piloti che in fondo al loro cuore non avessero come obiettivo tagliare per primi il traguardo; quasi tutti, anche coloro che partivano dalle retrovie, volevano portare a casa la coppa del più bravo. Alla fine, però, solo uno sarà il numero uno.

Il motociclismo, come ogni sport, ha anche una funzione educativa; aiuta a saper individuare e superare i propri limiti, agevola nella comprensione del valore dell’abnegazione e aiuta a saper vincere e perdere, nel pieno rispetto degli avversari e delle regole. Parafrasando, un buon motociclista è anche un buon cittadino: voglioso di esprimere le proprie potenzialità senza barare, nel pieno rispetto delle leggi. Oggi, però, il motociclismo oltre ad essere uno sport sano, può fungere da esempio e modello comportamentale per le giovani generazioni? Soprattutto il motociclismo è ancora un ambiente dove davvero il più veloce, il più dotato, il più forte, il più regolare e ligio è premiato? Oppure da modello propositivo per la società è diventato un modello che di una certa società ha assorbito il peggio?

Questa domanda è un po’ di tempo che me la pongo e ho deciso di scrivere un articolo in merito quando un pilota, ex ufficiale Sbk, ha scritto, in sintesi, sulla propria bacheca di Facebook che oggi nel mondo delle gare non conta il talento ma la borsa dei soldi che si ha in dote. Allora, che direzione ha preso il motociclismo? Ha senso impegnare le proprie energie fisiche, mentali ed economiche per inseguire i propri sogni agonistici su due ruote? 

Analizziamo alcuni fattori e iniziamo dal monogomma. Il “mono” mi suona come monopolio, dove il monopolista decide prezzo e qualità del servizio. Si è detto che con esso si contengono i costi. Sicuri? Di certo è che gareggiare costa sempre di più e se a pensar male si fa peccato, però….sulla carta tutti ricevono la stessa gomma, ma in realtà? Una gomma che esalta lo stile di chi stacca forte e spigola le curve, mal si adatta a chi, invece, predilige far scorrere la moto in curva e viceversa. Uno pneumatico che va bene per un tipo di moto non è detto che sia valido anche per gli altri. Ciò spinge i costruttori di quest’ultime, se tengono a fare bella figura, inevitabilmente a investire ingenti risorse nell’adattamento della moto alle caratteristiche della gomma. Con la concorrenza, invece, non solo si eleverebbero le prestazioni, ma ci sarebbe anche maggiore scelta tra i prezzi degli pneumatici e le performance degli stessi. Dalle elementari insegnano che la libera concorrenza aumenta la qualità del servizio e abbatte i costi, allora perché ciò non è accettato in un certo motociclismo agonistico? Senza tener conto, poi, che con la concorrenza alcuni team, quindi piloti, potrebbero addirittura essere pagati, in quanto sviluppatori. Fattore regolamenti: chi di voi segue le gare da un po’ di anni, non farà fatica a ricordare i casi in cui certe regole sono state scritte per favorire Tizio piuttosto che Caio; vogliamo parlare, poi, del cambio delle regole a danze iniziate? Ciò fa onore al motociclismo? Continuiamo con un altro fattore: immaginate una competizione dove sarete impegnati. Bene se venite a scoprire che l’organizzatore ha sul proprio libro paga il vostro avversario, come vi sentirete? Continuerete ad avere in lui totale fiducia oppure qualche dubbio sulla sua imparzialità vi verrebbe? E’ inutile ricordarvi che ciò corrisponde al vero nel “motociclismo”. 

Che motociclismo è quello dove un team privato non solo non avrà modo di lottare per il titolo, ma nemmeno per un’affermazione stagionale? Che motociclismo è quello dove uno sponsor evita l’ingaggio di un determinato pilota, per evitare che il proprio alfiere faccia brutte figure? Qualcuno obietterà che questi fattori sono frutto della mia fantasia. Mettiamo da parte, allora, la mia credibilità. Analizzateli uno a uno e ditemi se non sono piccoli indizi. Tanti indizi che portano a una grande verità, una brutta verità. Brutta perché in essa non vi ravvedo sport, ma solo business. 

Certo non è tutto brutto il motociclismo, anzi…..Il mio intento, però, è isolare queste brutture e far sì che nella nostra passione a contare non siano i soldi o gli umori degli sponsor, ma il polso del pilota, l’estro dei preparatori, l’intuito degli ingegneri. Insomma permettere a chi è capace e bravo di prendersi le giuste soddisfazioni e i giusti riconoscimenti. Come nella vita reale, anche nello sport, e viceversa, i cambiamenti partono dagli attori. Bene se la pensi come me, se reputi vergognoso che per partecipare a un campionato nazionale sia necessario accendere un mutuo, inizia a denunciare e isolare i brutti “fattori”. Una noce nel sacco non fa rumore, ma tante……

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5982 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.