4 dicembre 2016

Civitavecchia – Bollette dell’acqua e arsenico, arrivano i risarcimenti

La Bolletta, per i Cittadini che presentano il modulo e abitano nelle aree interessate, non è da pagare, perché verrà sostituta da una dove è stato calcolato il risarcimento.
Si viaggia verso la Consulta dei Consumatori: la politica – dichiara il Direttore – ne resti fuori se vogliamo che funzioni.

[quote font=”0″ arrow=”yes”]

L’incontro di ieri è stato forse il primo, da quando nel 2009 aprimmo lo Sportello, nel quale abbiamo visto accolte tutte le richieste avanzate dalla nostra Associazione, e forse la prima volta in assoluto che il Comune e le Associazioni di Consumatori si sono sedute l’una di fronte all’altra per collaborare.

Ringraziamo per questa disponibilità l’Assessore Tuoro, il Dirigente dei Servizi Finanziari Riccardo Rapalli ed i Colleghi di CODACONS e FederConsumatori per il chiaro esempio dato di come le problematiche possono essere risolte con il dialogo istituzionale fra Enti, nel rispetto reciproco e senza posizioni pregiudiziali.

Tutto questo è stato possibile, secondo il Direttore Astarita, perché la politica in generale, e quella “urlata” e litigiosa in particolare, è rimasta fuori da questo incontro, a riprova di quanto da sempre sosteniamo: è inutile, quando i Cittadini hanno un problema, dividersi in mille Comitati che poi vanno ognuno per i fatti propri, facendo un’inutile gara a chi è il più bravo, spesso capitanati da personaggi che fanno dentro e fuori dalla politica locale.

Ieri i ruoli erano ben distinti e separati: da una parte del tavolo la Politica, e dall’altro le Associazioni di Tutela dei Consumatori che da decenni tutelano, in tutta Italia, i Consumatori/Utenti. Gli unici momenti di “tensione”, che però non hanno trovato sponda ne da un lato ne dall’altro del tavolo, ci sono stati quando i Comitati presenti hanno annunciato che continueranno la lotta.

Liberissimi di farlo: noi difendiamo da sempre la pluralità di pensiero, ma riteniamo che le Associazioni abbiano ottenuto tutto l’ottenibile, e quindi difficilmente un Giudice potrà concedere ulteriori ristori.

Veniamo a quanto è stato ottenuto:

  1. Ristoro, e non semplice “sconto”, in bolletta per un importo pari al 50% del canone dell’acqua. Restano invariati in canone di depurazione e di fognatura perché l’acqua, anche se non potabile, nella fognatura e nel depuratore, c’è stata;
  2. Impegno dell’Amministrazione a valutare SINGOLI CASI di impossibilità materiale a sostenere il pagamento per grave disagio economico;
  3. Avvio delle procedure necessarie alla costituzione della Consulta Comunale dei Consumatori ed Utenti che verranno coinvolte nella creazione delle carte dei servizi pubblici locali (i Diritti dei Cittadini messi nero su bianco);
  4. Inizio della valutazione di una Carta dei Servizi per quello più importante di tutti: il Servizio Idrico. Manderemo le nostre proposte, ma abbiamo chiesto, fin da subito, che vengano previsti dei ristori in caso di disservizio (se manca l’acqua è non viene ripristinata entro un tot il Cittadino avrà diritto ad x euro di risarcimento per ogni giorno di ritardo). Il Comune si è riservato di valutarne la fattibilità.

Vogliamo spendere alcune parole sulla Consulta dei Consumatori. Nella legittimità delle opinioni di tutti, e con il fine comune di rendere il costituendo tavolo il più libero possibile da strumentalizzazioni politiche, alcuni vorrebbero limitarlo alle Associazioni Nazionali con sede nel territorio. Noi, che siamo contrari ad ogni e qualsiasi forma di “diritto acquisito” abbiamo proposto che il tavolo venga lasciato aperto a qualsiasi Associazione, anche locale, a tre condizioni:

  1. che sia rappresentativa per numero di soci residenti (limite minimo 200 soci attivi, ma anche di più);
  2. che sia attiva sul territorio (presente da almeno due anni con azioni dimostrabili poste in essere a favore dei Cittadini);
  3. che l’attività prevalente dell’Associazione sia la Tutela dei Consumatori.

Queste condizioni, riteniamo, possano da un lato tutelare i Cittadini, i quali avranno nell’elenco delle Associazioni iscritte alla Consulta, un immediato riscontro sulla concretezza dell’Associazione che gli propone le azioni, ponendo forse fine alle 200 azioni identiche proposte anche con banchetti al mercato, nemmeno fossero mozzarelle (TIA Straordinaria insegna), mentre dall’altro permetterà a chiunque non si senta rappresentato dalle Associazioni presenti, di fondarne una propria e, lavorando giorno dopo giorno, come fanno i nostri volontari, farla crescere.

La preclusione contro l’accesso automatico delle Associazioni Nazionali, invece, vuole evitare che qualcuno, magari usando influenze politiche, ottenga una nomina a referente locale di qualcuna delle Associazioni Nazionali e usi a fini politici lo strumento.

La nostra stessa Associazione, prima che venisse presieduta dall’attuale Direttore, era stata aperta da un Consigliere Comunale, all’epoca addirittura in carica, che la usava esclusivamente come “clava” per fare cause contro il Comune di cui era parte. L’Associazione ancora oggi subisce gli strascichi del fatto che alcuni la considerino ancora sotto il controllo di quel politico che da anni non ha più nulla a che fare con noi.

Il Direttore Astarita invece, che dal 2009 ha preso in mano l’Associazione a 0 soci e l’ha fatta diventare quella realtà che è oggi, grazie anche ai tanti Cittadini che ci hanno dato fiducia, e che da sempre chiede la Consulta, crede fermamente nel fatto che questo strumento sia utile e possa funzionare solo e soltanto se rimane lontano dalla politica in modo da poter svolgere la propria attività indipendente di Vigilanza e Consulenza sui servizi pubblici.

Tornando alla questione Arsenico, per evitare code, abbiamo già attivato sul sito www.sportelloconsumatori.org lo spazio dove i Cittadini delle aree interessate possono prenotare il modulo necessario.

Basta lasciare la propria email e, quando il Comune renderà disponibile il modulo, ve lo faremo trovare direttamente nella vostra posta elettronica insieme alle istruzioni per la compilazione.

Invitiamo i Cittadini più avvezzi alla tecnologia a prenotarsi in modo da aiutare le persone più anziane loro parenti ad utilizzare lo strumento che mettiamo a disposizione, senza costringerli a fare le file quando saranno resi disponibili i moduli cartacei presso il Comune e presso le sedi delle Associazioni.

Chiudiamo augurando ai Cittadini una Buona Pasqua e speriamo che la nostra fatica non retribuita che ha portato a questo risultato abbia reso questa festività più lieta a qualche Cittadino.

[/quote]