11 dicembre 2016

Piazzale Flaminio – In tre aggrediscono un minorenne, due arresti e una denuncia

Gli agenti del Commissariato Villa Glori, diretto dal dr. Ermanno Baldelli, ieri sera hanno arrestato due giovani, S.F. di 18 anni e D.L.F di 19 anni, per rapina e furto aggravato in concorso con un minorenne. I tre, lunedì scorso verso le 13.00 hanno rapinato tre 15enni, nei pressi del Burger King di piazzale Flaminio minacciandoli con un coltello.

I malviventi, probabilmente autori anche di altri episodi analoghi in zona, su cui sono in corso ulteriori indagini da parte del Commissariato Villa Glori, dopo aver avvicinato le vittime prescelte, le hanno minacciate con un coltello costringendole a consegnare tutti i loro averi.

In particolare i malcapitati hanno dovuto dar loro due telefoni cellulari di ultima generazione, un orologio oltre a circa 50 euro in contanti, dopodiché i rapinatori si sono allontanati dal posto. I rapinati , ancora spaventati, hanno telefonato immediatamente al 113 e la pattuglia del Commissariato Villa Glori è intervenuta sul posto per raccogliere le prime informazioni.

Hanno così appreso le descrizioni dei rapinatori e del loro abbigliamento. In particolare uno di questi aveva un tatuaggio sul sopracciglio destro riportante la scritta”LOCO”.

Sulla base di tali indicazioni è stato organizzato immediatamente un mirato servizio in borghese da parte degli agenti della squadra di Polizia Giudiziaria del Commissariato.

Le immediate battute in zona hanno portato al rintraccio di tre giovani corrispondenti alle descrizioni fornite dalle vittime nei pressi della stazione Roma nord in Piazzale Flaminio.

I poliziotti a quel punto hanno richiesto l’ausilio di altro personale che è intervenuto per identificare i sospetti che, alla vista della Polizia, hanno tentato di allontanarsi ma sono stati bloccati. Indosso ai fermati è stato rinvenuto e sequestrato, oltre all’intera refurtiva, un coltello “a farfalla”, ulteriori 3 telefoni cellulari, un orologio marca “Dolce e Gabbana”, un portafoglio di pelle nera con all’interno una carta di credito ed una tessera del Ministero dell’Istruzione, di cui i sospettati non sapevano fornire la provenienza, probabilmente illecita. Successivamente nei locali del Commissariato gli autori sono stati riconosciuti anche dalle vittime che si trovavano nell’ufficio di polizia per formalizzare la denuncia di quanto avvenuto e ai quali venivano riconsegnati gli oggetti recuperati.

I rapinatori maggiorenni, con precedenti specifici per furto e rapina, dopo la convalida dell’arresto sono stati sottoposti alla misura degli arresti domiciliari mentre il minorenne, con precedenti per lesioni è stato denunciato sia per la rapina che per porto abusivo di arma da taglio e poi affidato alla madre.

Sono tuttora in corso indagini al fine di individuare altri episodi delittuosi avvenuti in zona e riconducibili probabilmente ai medesimi malviventi.