Parcheggi rosa, un segno di civiltà ma che deve essere tutelato

Parcheggi rosa, un segno di civiltà ma che deve essere tutelato



Per alcune categorie di automobilisti in particolare per le donne in stato di gravidanza o con neonati al seguito, la prolungata ricerca di parcheggio, le attività connesse alle manovre di posteggio per la ricerca di parcometri, nonché le operazioni di carico e scarico di passeggini, borse, sono attività che possono rappresentare un grave disagio nell’assolvimento dei compiti quotidiani nei momenti in cui occorre parcheggiare in prossimità di strutture – servizo quali ospedali, farmacie, uffici pubblici, laddove è difficoltoso reperire un posto.

Al fine di favorirne la mobilità, anche attraverso l’utilizzo di mezzi di trasporto privato in molti comuni tra cui va inserito anche il nostro sono stati istituiti spazi di sosta denominati “Parcheggi Rosa” per le donne in stato di gravidanza. Si tratta di iniziative affidate alle singole sensibilità dei comuni e alla cortesia e senso civico degli utenti, in quanto il Codice della Strada non contempla le donne in stato di gravidanza tra le categorie di automobilisti per le quali è possibile riservare zone di parcheggio riservato, né di poter sanzionare la loro occupazione indebita.

Tali iniziative rappresentano un gesto simbolico di attenzione e sensibilità nei confronti dei bisogni delle famiglie, con cui si riconosce la natalità come valore sociale. Per usufruire degli stalli rosa individuati da apposita segnaletica verticale ed orizzontale, è necessario essere in possesso di apposito contrassegno (Bollino Rosa), una sorta di permesso volto ad agevolare la sosta, all’interno delle aree rosa, rilasciato dal proprio comune di appartenenza da esporre poi sul veicolo che confermi la titolarità. Contrassegno che nel Comune di Frosinone non è richiesto.

In conclusione l’auspicio è che anche il Comune di Frosinone possa dotarsi del contrassegno e che al più presto il legislatore possa rendere il Bollino Rosa uno strumento giuridicamente valido per il sostegno e tutela della maternità delle famiglie.

Paolo Cioè

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.