Decreto Dignità e lotta al gioco online

decreto dignità



Il 2 luglio 2018 il Consiglio dei Ministri ha approvato il Decreto Dignità, un decreto nato con l’obiettivo di migliorare la situazione di precariato in Italia. All’interno del decreto è, inoltre, presente una misura per tentare di ridurre un problema che, di anno in anno, appare sempre più preoccupante: la ludopatia. Il gioco d’azzardo ha sempre rappresentato una grande attrattiva per gli italiani e, negli ultimi anni, la situazione sta diventando più grave, a causa del proliferare di siti di casino online che permettono di giocare comodamente anche da smartphone o tablet. Basti pensare che, nel 2018, gli italiani hanno speso un totale di 18,9 miliardi di euro per il gioco d’azzardo, con un aumento dello +0,4% rispetto all’anno precedente. Di questi 18,9 miliardi, 850 milioni sono stati generati proprio dal gioco online. Nonostante le percentuali in continua crescita di questo settore, però, alcuni comparti iniziano a mostrare qualche segno di difficoltà. È il caso delle slot machine online.

Il curioso caso delle slot machine

Negli ultimi anni, a trainare il grande successo dei casino online erano proprio le slot machine online. Ciò si spiega anche grazie anche alla possibilità di reperire, in qualsiasi momento, tutte le informazioni necessarie per ottenere il massimo dalle slot online su numerosi siti di informazione, tra i quali risulta degno di nota TutteLeSlot. La possibilità di avere sempre tutto a portata di mano, infatti, ha permesso al gioco online e, in particolare, alle slot online di registrare segni di incredibile crescita. Nel corso del 2018, però, il settore ha iniziato a registrare dati in controtendenza. Le statistiche riportate sul sito dell’Agimeg mostrano una diminuzione del -5,4% sul totale delle spese generate dalle slot online, che si attestano a quota 7,2 miliardi di euro. Altri settori in lieve discesa sono il poker cash con una diminuzione del -3% e il poker a torneo con un -1,5%. Risultano, invece, in forte aumento le VLT, che hanno generato una spesa totale effettiva di oltre 2,9 miliardi di euro, con un aumento del +3,3% rispetto all’anno precedente.

Nonostante il trend negativo, le slot machine online continuano a rappresentare una delle parti più importanti dell’intero mercato del gioco online. Insieme alle VLT, infatti, le slot online hanno coperto oltre la metà delle spese totali, rappresentando il 45% del totale. Si tratta, dunque, di un settore ben consolidato nel nostro territorio, contro cui devono scontrarsi il Decreto Dignità e le numerose ordinanze regionali rivolte alla lotta alla dipendenza dal gioco.

Il Decreto Dignità e le normative regionali

Entrato in vigore il 12 agosto 2019, il Decreto Dignità introduce il divieto di promuovere il gioco d’azzardo. Nel comma 1 dell’articolo 8, infatti, si legge che è vietata “qualsiasi forma di pubblicità, anche indiretta, relativa a giochi o scommesse con vincite di denaro, comunque effettuata e su qualunque mezzo, incluse le manifestazioni sportive, culturali o artistiche, le trasmissioni televisive o radiofoniche, la stampa quotidiana e periodica, le pubblicazioni in genere, le affissioni ed internet”. Ne consegue il divieto di stipulare contratti pubblicitari per promuovere il gioco su qualsiasi strumento di comunicazione, come tv, computer e smartphone.

L’obiettivo di tale divieto è quello di contrastare il gioco patologico, traguardo che cercano di raggiungere anche le singole regioni italiane, attraverso specifici piani di prevenzione e sensibilizzazione riguardo al rischio di cadere in una dipendenza dal gioco. In generale, le regioni muovono verso la diffusione di una maggiore consapevolezza dei rischi derivanti dal gioco d’azzardo, un’intensificazione dei controlli e un maggiore sostegno agli Enti locali e alle Asl che, oltre alla prevenzione, si occupano della cura e riabilitazione dei soggetti affetti da ludopatia.

In aggiunta alle normative nazionali e regionali, anche i singoli comuni emanano ordinanze per cercare di ridurre al minimo gli effetti negativi che il gioco d’azzardo può provocare sulla popolazione. Il Comune di Firenze, ad esempio, con un’ordinanza del 3 luglio 2018 ha imposto la chiusura delle sale giochi tutti i giorni dalle 18 alle 24 e lo spegnimento delle slot machine nei locali autorizzati dalle 13 alle 19 e prevede multe salate per i trasgressori.

Conclusioni

Negli ultimi anni, si sta assistendo a un concreto tentativo da parte dello Stato, ma anche delle singole regioni e dei comuni, di arrestare il processo di forte espansione del mercato del gioco d’azzardo. Il divieto di pubblicità al gioco imposto dal Decreto Dignità, entrato in vigore in data 12 agosto 2018, è uno dei numerosi strumenti utilizzati per raggiungere tale scopo. Ma, nonostante alcuni segni di cedimento delle slot machine online che, nel 2018, hanno registrato un calo del -5,4%, il settore del gioco d’azzardo continua a mostrarsi solido e in continua crescita. Bisognerà attendere per vedere se il Decreto Dignità e le normative regionali riusciranno a ottenere risultati positivi nella lotta alla ludopatia.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.