Salvini-Diciotti, Rosato (PD): “E’ chiaro che M5S e Lega stiano facendo una trattativa”

ettore rosato



Ettore Rosato, deputato del Pd e vicepresidente della Camera, è intervenuto ai microfoni de “L’Italia s’è desta” condotta dal direttore Gianluca Fabi, Matteo Torrioli e Daniel Moretti su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano.

Sul caso Salvini-Diciotti

“E’ chiaro che stiano facendo una trattativa. Il commettere un reato, cosa che Salvini ha palesemente fatto, non può essere giustificato con l’interesse dello Stato. Oltre a commettere un reato, ha esplicitamente detto in occasioni pubbliche che era una scelta sua e non del resto del governo. In un comizio ha detto: portatemi le arance in galera, ma adesso non vuole più sottoporsi al processo, perché ha capito che il reato è reale. Noi non vediamo la difesa degli interessi dello Stato nell’azione che Salvini ha fatto. Non è che puoi commettere reati e poi giustificarti dicendo che l’hai fatto nell’interesse dello Stato. Questo lo faceva Berlusconi. Salvini, Di Maio e Di Battista sono diventati più berlusconiani di Berlusconi. Ieri hanno giustificato la nomina di Savona alla Consob dicendo: l’ha fatto anche Berlusconi. Noi non pensiamo che questo governo vada mandato a casa per via giudiziaria, ma la legge è uguale per tutti, dopodichè è il governo che deve mandare a casa questo governo non un magistrato. Se Salvini avesse sequestrato degli studenti italiani anziché dei migranti che cosa avremmo detto? Salvini non ha rispettato la legge, io dubito che l’interesse dello Stato sia il sequestro di persone. Io penso che la legge vale per tutti, i diritti valgono per tutti, che si tratti di un immigrato o di un nostro connazionale”.

Sulla recessione e i dati del FMI sull’Italia

“E’ sicuramente imputabile a questo governo. La crisi economica ha un nome e un cognome: governo Conte. Loro il giorno che si siedono a Palazzo Chigi fanno schizzare lo spread. C’è una crisi indotta che stiamo pagando solo noi. Non è un caso che sia crollata la produzione industriale e la fiducia delle imprese da quando loro sono al governo. Loro sono stati scelti dagli elettori e sono legittimamente al governo, ma dovrebbero governare. Salvini invece sta 3 giorni a fare la campagna elettorale in Abruzzo, dopo c’è la Basilicata e poi la Sardegna. Io non penso che si possa fare seriamente il ministro dell’interno mentre si è in giro a fare campagna elettorale”.

Sul Congresso del PD

“Siamo in un’epoca in cui c’è un leader come Salvini che non ha neanche un contestatore all’interno del partito, questo è il nostro avversario, ma non può esistere neanche un partito che ha 100 voci diverse. Se non c’è coesione non saremo mai credibili. Non basta vincere il congresso per essere un leader, si può essere un segretario, ma il leader non si elegge, si diventa leader con il consenso del popolo. Io appoggio Martina, ma non ho mai detto una parola polemica contro un collega del mio partito. Calenda? E’ giusto che contribuisca ad un rilancio del centrosinistra attraverso una grande battaglia europea contro questi movimenti populisti”.

Fonte: Radio Cusano Campus

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.