Fassina: “Dal 68 in poi la sinistra si è vergognata di utilizzare il termine patria”

Stefano Fassina



Stefano Fassina, deputato di Leu e fondatore di Patria e Costituzione, è intervenuto ai microfoni de “L’Italia s’è desta” condotta dal direttore Gianluca Fabi, Matteo Torrioli e Daniel Moretti su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano.

Fassina presenta oggi alla Camera il manifesto per la sovranità costituzionale

“L’obiettivo è rimettere al centro dell’agenda politica i principi fondamentali della nostra Costituzione che sono radicalmente contraddetti dai trattati europei e dal funzionamento dell’eurozona. Negli ultimi 30-40 anni, dopo il 68, la sinistra si è vergognata di utilizzare il termine ‘patria’. Ma nell’articolo 52 della Costituzione c’è scritto che è sacro dovere di ogni cittadino difendere la patria e che i partigiani erano patrioti. Noi vogliamo riappropriarci dell’idea di patria che sta nella nostra Costituzione, che non è una patria che esclude, che si erge al di sopra degli altri, ma che è fondata sul lavoro e sull’uguaglianza. I trattati europei hanno come principio guida la concorrenza, la nostra Costituzione invece la dignità del lavoro, quindi è chiaro che si apre un conflitto con questi trattati. L’insorgenza dei nazionalismi deriva proprio da come la sinistra storica ha applicato i trattati europei”.

Sulla gestione dell’immigrazione

“Gli ingressi vanno regolati in base alle capacità di integrazione di un Paese. Questo è un principio di buonsenso. L’ideologia no-border, dell’accogliamo tutti, è impraticabile per ragioni materiali. Noi vogliamo che l’integrazione sia dignitosa, fino ad arrivare allo ius soli. Vanno regolati i flussi e vanno affrontati i problemi che costringono milioni di persone ad emigrare. Ormai la sinistra si è rassegnata al fatto che milioni di persone debbano abbandonare le proprie terre per sopravvivere, invece noi dobbiamo agire sulle cause, a cominciare dal neocolonialismo. La sinistra deve alzare lo sguardo e aggredire le cause di queste migrazioni”.

Sulla questione venezuelana

“Eviterei di riconoscere la legittimità di Guaidò. Mi terrei sulle posizioni del Consiglio di sicurezza Onu che non ha riconosciuto Guaidò e continua a considerare il legittimo presidente Maduro. Spero che il M5S tenga ferma la posizione per non riconoscere Guaidò e per sostenere un negoziato per arrivare a libere elezioni. Riconoscere Guaidò vuol dire contribuire a dare legittimità all’intervento militare che gli Usa stanno preparando”.

Sul caso Salvini-Diciotti

“Credo si debba lasciare la possibilità alla magistratura di portare avanti il processo quindi io voterei sì all’autorizzazione a procedere. Per quanto mi riguarda, quello di Salvini è un atto politico ma c’è una legittima iniziativa dei magistrati e va fatto il percorso previsto, Salvini ha tutti i mezzi per difendersi nel processo. Comunque io penso che Salvini vada sconfitto sul piano politico non giudiziario”.

Fonte: Radio Cusano Campus

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.