Reddito cittadinanza, Maniero (M5S): “Critiche da Confindustria? Vanno prese con le molle”

Alvise Maniero
Fonte foto: vvox.it



Alvise Maniero, deputato del M5S e membro della Commissione Finanze della Camera, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano – Dentro la notizia” condotta da Daniel Moretti su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano.

Sulle critiche di Confindustria al reddito di cittadinanza

“Ricordo che Confindustria prevedeva un calo di 4 punti di Pil qualora non fosse passata la riforma costituzionale di Renzi quindi la prenderei con le molle –ha affermato Maniero-. Io la questione la vedrei proprio da un punto di vista dell’impresa, il reddito di cittadinanza comprende anche un incentivo alle aziende che assumono. Quindi Confindustria sta rappresentando molto le grandi imprese, un po’ meno il 98% del tessuto produttivo”.

Il presidente dei giovani di Confindustria Sud Menotti a Radio Cusano Campus ha dichiarato che il governo premia i giovani che non hanno voglia di lavorare

“Questo è molto amaro sentirlo dire da un giovane –ha affermato Maniero-. I miei coetanei sono in giro per il mondo a cercare lavoro quindi evidentemente la voglia di lavorare c’è. Purtroppo l’Italia non sempre l’Italia dà opportunità ai giovani e non solo ai giovani di fare qualcosa. Molte risorse le abbiamo dedicate proprio alla formazione perché non sempre basta la volontà, bisogna avere anche gli strumenti per spendersi nel mercato del lavoro”.

Secondo Istat e Inps i beneficiari del reddito saranno 2,7 milioni, non 5 milioni

“Se non ricordo male il Presidente dell’Inps Boeri era proprio quello che in Commissione faceva le stime sul decreto dignità affermando che questo provvedimento avrebbe cancellato 8mila posti di lavoro all’anno in via ottimistica. Invece non solo i posti di lavoro sono aumentati, ma siamo ai massimi livelli di occupazione dal 2008. Vedremo se avremo ragione anche questa volta”. 

Secondo Boeri ‘a posteriori lo Stato potrebbe dover chiedere indietro 10mila euro di sussidi a 100mila famiglie’

“Tecnicamente sono osservazioni che vanno fatte sempre, ringrazio Boeri che come tecnico fa queste osservazioni. Dopodichè bisogna fare un passo in più, con lo stesso criterio non dovremmo dare pensioni di invalidità né alcun tipo di supporto a chiunque perché abbiamo i finti ciechi, i finti disoccupati e i finti sciancati. Ovviamente non è così, uno stato sociale e un supporto al sistema produttivo non ragionano in questi termini. Il controllo deve essere capillare, attento e anche duro però non è che posso distruggere lo stato sociale perché Boeri sente di non aver ancora gli strumenti adeguati per controllare”.

Sul limite di 10 anni di residenza per gli stranieri per accedere al reddito

“Non temiamo che la Consulta lo dichiari incostituzionale. Sarà interessante prendere in esame qualunque osservazione, ma non vedo dove sia la discriminazione. Poi per carità, è carne per avvocati, sicuramente qualcuno ci si divertirà. C’è anche chi fa ricorso perché gli abbiamo tolto il vitalizio, qualcuno farà ricorso anche per questo”.

Sulla posizione dell’Italia riguardo la crisi venezuelana

“Il nostro governo, almeno per quanto riguarda il M5S, ha espresso una priorità, cioè che il Presidente del Venezuela debba essere eletto dai cittadini e i cittadini devono avere subito il diritto di votare ed eleggere un leader. Questa è la priorità del nostro governo rispetto al riconoscere un leader piuttosto che un altro, nonostante le gravissime situazioni che stanno affrontando i cittadini venezuelani a cui va posto assolutamente rimedio. Poi sulle sottigliezze della diplomazia non mi sbilancio, però secondo me per tutti la priorità è quella: date il voto ai venezuelani e chiudiamo questa situazione”. 

Per il PD Savona è incompatibile con il ruolo di Presidente Consob

“Se l’ha detto il Pd mi fido ciecamente –ha ironizzato Maniero-. A parte gli scherzi, queste nomine devono essere verificate attentamente, ancora più perché il precedente presidente di Consob Nava si è dimesso perché abbiamo fatto notare che violava apertamente i requisiti di indipendenza dello statuto di Consob perché era formalmente dipendente di un altro ente, un’agenzia europea, quindi era in palese conflitto di interessi. Quindi dubito che il governo abbia fatto una grossolanità del genere. Comunque le bugie hanno le gambe corte, quindi nei prossimi giorni si vedrà se abbiamo ragione noi o se il Pd ha trovato un buco enorme a cui non avevamo pensato”.

Fonte: Radio Cusano Campus

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.