5 cose da fare la prima volta a Istanbul

5 cose da fare la prima volta a Istanbul



Scopri Istanbul solo quando ci sei dentro. È soltanto visitando questa città che se ne può comprendere l’importanza storica, l’impatto culturale, il ruolo di tramite fra due mondi in perenne conflitto. Se è la tua prima volta nella vecchia Costantinopoli, ecco cinque attività che è meglio mettere in valigia prima di tornare a casa.

Contrattare al Gran Bazar

I Bazar di Istanbul meritano una visita a prescindere, ma la contrattazione tra venditore e acquirente è parte della cultura araba: perché non provarne un assaggio? Tenta la fortuna al Gran Bazar di Istanbul. Inaugurato nel 1461, non è soltanto uno dei mercati coperti più antichi del mondo, ma anche uno dei più estesi: i suoi 4.000 negozi sono visitati ogni anno da oltre 90 milioni di persone. È aperto tutti i giorni, domenica esclusa: riuscirai a strappare un buon prezzo per profumate spezie o gioielli scintillanti?

Fare il bagno in un hammam

Gli hammam li conosciamo bene anche in Occidente, ma provarne uno in Turchia è tutt’altra cosa. Uno dei bagni “storici” si chiama Cemberlitas: sta a Istanbul dal 1584 e ti permetterà di rilassarti come poche altre cose al mondo. Il prezzo del biglietto comprende costume, ciabatte e telo, quindi non ti servirà portare nulla, dall’hotel. Facci sapere com’è andata.

Visitare il Palazzo Topkapi

Questa è un’esperienza più turistica che local, ma la residenza è stata per almeno 400 anni il centro del potere dell’Impero Ottomano: programma di starci un’intera giornata per visitare la miriade di stanze di cui si compone, tra cui quella del Tesoro e ovviamente l’Harem. Generalmente è aperto tutti i giorni martedì escluso, ma visita il sito ufficiale per avere maggiori informazioni sugli orari.

Assaggiare (almeno) 4 piatti tipici

Il kebab, per provare la differenza con la sua imitazione europea; il caffè turco, anche se è probabile che ti farà rimpiangere l’espresso; la baklava, un dolce così calorico da causare sensi di colpa; lo yogurt tradizionale che si trova a Kanlica, cremoso e zuccherato, da gustare rigorosamente in riva al Bosforo.

Ammirare la danza dei dervisci

A quello che nacque come un rito lungo e complesso, e che ovviamente persiste ancora oggi, si è affiancata una versione turistica che ti permetterà di ammirare l’arte dei membri dell’ordine dei Mevlevi. Il cerimoniale originale ha tutt’altro sapore, ma dura 3 ore: la scelta sta a te!

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.