La Locanda dei girasoli: la ricetta della felicità

La Locanda dei girasoli: la ricetta della felicità
Fonte foto: Pagine Facebook La locanda dei girasoli



Alle volte un gesto piccolo, banale e usuale, può significare molto regalando speranza nel futuro e soprattutto cambiando le regole del gioco. Perché alle volte per cambiare ciò circonda è sufficiente cambiare gli occhi, togliendoci da quella comune indifferenza che ci ingabbia rendendoci essere mediocri. È sufficiente non limitarsi ad essere spettatori, scegliendo di essere protagonisti di una piccola, ma immensa, rivoluzione sociale che mira ad abbattere il muro della diversità.

La rivoluzione in questione nasce da una locanda, un apparente ristorante come tanti, se non fosse che alla base di tutto c’è il sogno di rendere attuabile la parola “cooperazione”. Il locale è, infatti, frutto di un lungimirante progetto sociale teso a favorire l’inserimento nel mercato del lavoro di ragazzi affetti da “disabilità”.

Un progetto sociale che nasce nel 1999

Ad oggi lavorano con entusiasmo, competenza, umiltà tenacia e passione ben 10 ragazzi affetti dalla sindrome di Down, affiancati dallo staff e dalle loro famiglie, che provano quotidianamente a spiegare la loro personale ricetta della felicità. La “Locanda dei Girasoli” è un locale accogliente e familiare che vanta una storia già consolidata, nacque nel 1999 per iniziativa della cooperativa “I girasoli” con l’ intento di azzerare l’emarginazione sociale.

Il ristorante “sociale”, sito a Roma in Via dei Suplici, in questi quasi 20 anni di attività ha saputo dare un lavoro e una nuova speranza a tanti ragazzi riuscendo a congiungere professionalità e solidarietà, conquistando anche l’apprezzamento del pubblico. Chi è stato ospite della “Locanda” ha vissuto, come testimoniano le recensioni online, un’esperienza unica potendo non solo interagire con dei ragazzi “speciali” ma anche gustando piatti preparati con raffinatezza, gusto e soprattutto con amore (l’ ingrediente principale di questo ristorante).

L’amore da solo non basta

Tuttavia, anche l’amore da solo non basta perché occorre non limitarsi ai soli risultati umani ma guardare anche ai risultati economici che purtroppo raccontano una spiacevole verità. I conti sono i rosso da tempo per effetto di molteplici fattori: la congiuntura economica negativa che dal 2007 ha investito la finanza mondiale con ripercussioni inevitabile anche sul settore reale, gli ingenti costi a cui è sottoposta questa lodevole iniziativa che si contraddistingue per elevati oneri connessi alla formazione e al personale, l’ubicazione in una zona periferica, non centrale, che non favorisce una cospicua clientela specie nei giorni non feriali.

I numeri, i bilanci, la logica dei profitti potrebbero determinare la fine di questa pacifica “rivoluzione” sociale perché, come ormai sappiamo, le grandi idee devono scontrarsi con il calcolo “costi-benifici”. Per scongiurare la chiusura della “Locanda”, che equivarrebbe a porre fine ad un sogno di tanti ragazzi e delle loro famiglie che hanno voluto sostenerli, i fautori di questa iniziativa ed i genitori di questi splendidi giovani hanno chiesto alle istituzioni di intervenire con aiuti economici e di spostarsi in un luogo più centrale per favorire nuova clientela, e quindi nuove entrate.

Nell’ attesa che i potenti intervengano scegliendo di salvare il futuro di 10 ragazzi, anche noi comuni cittadini possiamo intervenire decidendo di firmare una petizione online.

Basta un piccolo gesto

Basta un gesto piccolo, insignificante, per permettere a dei giovani di abbattere il muro dell ignoranza e poter continuare a dare una svolta significativa alla loro vita.

Non è un lavoro simbolico, i ragazzi sono chiamati a sfidare i propri limiti ed apprendere giorno dopo giorno e in questo modo provando ad inserirsi in quello che per errore chiamiamo mondo “normale”. La ricetta della felicità l’hanno ideata questi piccoli eroi che a piccoli passi sognano una realtà meno egoista, meno indifferente, meno superflua, meno ridondante.

Una realtà pronta ad accogliere e non discriminare.

Chi siamo noi per non permettere a questi giovani di provarci e riprovarci ancora?

Se un posto del genere chiudesse avremo perso tutti e tutto.

Sarebbe la sconfitta dell’umanità, della fiducia nel prossimo, della forza del cambiamento, del fiore della speranza nel futuro. Ecco, talvolta un piccolo gesto può renderci meno mediocri e cambiare le regole del gioco. All’ aridità dei numeri rispondiamo tutelando i sogni perché il domani potrebbe essere migliore di oggi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.