Papa battezza 27 neonati. Ai genitori: “Trasmettete la fede e non litigate davanti ai bambini”



Il compito che oggi ricevete è di trasmettere la fede ai vostri figli. E’ il forte invito che stamani Papa Francesco ha rivolto, nell’omelia a braccio, ai genitori dei 27 neonati a cui impartisce il Sacramento del Battesimo. La sua riflessione ruota sulla trasmissione delle fede ai figli e, in questo – raccomanda – è di aiuto non litigare mai davanti ai bambini, perché genera loro angoscia.

È proprio in occasione della Festa del Battesimo di Gesù nel Giordano, ad opera di San Giovanni Battista – che chiude del tempo del Natale – che il Papa tradizionalmente battezza alcuni bambini. “Oggi – sottolinea – voi chiedete la fede alla Chiesa per i vostri figli” e loro riceveranno lo Spirito Santo ma la fede poi deve “crescere”:

Sì, quando andranno al catechismo studieranno bene la fede, impareranno la catechesi. Ma prima che studiata, la fede va trasmessa, e questo è un lavoro che tocca a voi. È un compito che voi oggi ricevete: trasmettere la fede, la trasmissione della fede. E questo si fa a casa. Perché la fede sempre va trasmessa “in dialetto”: il dialetto della famiglia, il dialetto della casa, nel clima della casa.

Non litigare mai davanti a bambini: genera angoscia
Come altre volte, il Papa chiede ai genitori di insegnare ai figli a farsi il segno della Croce perché ci sono bambini che non sanno farlo. Poi torna a ribadire l’importanza di trasmettere la fede e di non litigare davanti ai bambini:

Ma l’importante è trasmettere la fede con la vostra vita di fede: che vedano l’amore dei coniugi, che vedano la pace della casa, che vedano che Gesù è lì. E mi permetto un consiglio – scusatemi, ma io vi consiglio questo –: non litigate mai davanti ai bambini, mai. È normale che gli sposi litighino, è normale. Sarebbe strano il contrario. Fatelo, ma che loro non sentano, che loro non vedano. Voi non sapete l’angoscia che riceve un bambino quando vede litigare i genitori. Questo, mi permetto, è un consiglio che vi aiuterà a trasmettere la fede. È brutto litigare? Non sempre, ma è normale, è normale. Però che i bambini non vedano, non sentano, per l’angoscia.

Quindi, Francesco raccomanda alle mamme di allattare i bambini se hanno fame. Magari piangono per il caldo che sentono o perché hanno fame o per il “pianto preventivo”, perché non sanno cosa succederà, come una difesa:

Io vi dico: che siano comodi. State attenti a non coprirli troppo, e se piangono per fame, allattateli. Alle mamme dico: “Allattate i bambini, tranquille, il Signore vuole quello”. Perché loro – dov’è il pericolo? – che anche hanno una vocazione polifonica. Incomincia a piangere uno, e l’altro gli fa il contrappunto, e l’altro, e poi questo è un coro di pianto. E così andiamo avanti in questa cerimonia in pace con la consapevolezza che tocca a voi la trasmissione della fede.

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 12456 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.