Maltempo, bufere di neve raddoppiate in Italia

The snow covers some parts of the ancient Acropolis hill and Plaka the tourist district of Athens, Tuesday, Jan. 8, 2019. Schools in the Greek capital and many surrounding areas are to remain closed due to weather conditions after snowfall blanketed Athens, with temperatures in some parts of the country plunging well below freezing. (Eurokinissi via AP)



Il 2019 è iniziato con l’Italia nella morsa del gelo dopo che il 2018 ha fatto registrare lungo la Penisola un aumento record delle tempeste di neve più che raddoppiate rispetto all’anno prima passando da 10 a 22. E’ quanto emerge da un’analisi della Coldiretti sulla banca dati degli eventi meteo estremi in Europa (Eswd) in relazione all’ultima ondata di freddo e maltempo che sta colpendo in particolare il centro sud dell’Italia con la chiusura delle scuole in molte regioni.

L’eccezionalità degli eventi atmosferici – sottolinea la Coldiretti – è ormai diventata la norma e si manifesta con una più elevata frequenza di sbalzi termici significativi, sfasamenti stagionali, precipitazioni brevi ed intense ed il rapido passaggio dal sole al maltempo. Le anomalie climatiche, con il ripetersi di eventi estremi, – evidenzia la Coldiretti – sono costate all’agricoltura italiana oltre 14 miliardi di euro in un decennio tra perdite della produzione agricola nazionale e danni alle strutture e alle infrastrutture nelle campagne. In molte regioni il maltempo ha messo in ginocchio le coltivazioni e gli allevamenti dove gli animali sono impreparati al grande freddo e si registrano difficoltà anche per le tubature gelate che non riescono a portare l’acqua negli abbeveratoi.

Nelle campagne del sud – continua la Coldiretti – le temperature sotto lo zero danneggiano le coltivazioni invernali come carciofi, finocchi, sedano, prezzemolo, cavoli, verze, cicorie e broccoli ma lo sbalzo termico improvviso ha inevitabilmente un impatto anche sull’aumento dei costi di riscaldamento delle produzioni in serra. A preoccupare è anche il peso della neve sulle piante e sulle serre ma il conto per l’agricoltura – continua la Coldiretti – potrebbe salire in misura esponenziale perché con le temperature di molti gradi al di sotto dello zero per più giorni rischiano di essere compromesse anche le piante, dagli agrumi agli ulivi.

Per evitare l’isolamento delle aziende e delle stalle sono in azione anche i trattori degli agricoltori della Coldiretti attrezzati come spalaneve per pulire le strade e come spandiconcime per la distribuzione del sale contro il pericolo del gelo. I mezzi agricoli sono al lavoro – conclude la Coldiretti – per consentire la circolazione anche nelle aree più interne e difficili anche garantire le consegne di prodotti deperibili salvati dal gelo con la riapertura del mercati.

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 12483 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.