2019: l’anno che verrà



Come in tutti i cicli della vita, c’è una fine e c’è un inizio. Il 2018 volge al termine ed il 2019 bussa alle porte.
Che anno è stato e che anno sarà?
Partiamo dall’anno che si chiude: gli italiani hanno fatto una grande rivoluzione con il voto del 4 marzo. A differenza dei francesi, scesi in piazza con il movimento dei gilet gialli, la rivoluzione l’hanno fatta nel modo più pacifico e democratico ossia attraverso il voto. Dalle urne sono uscite due questioni irrisolte: da un lato quella meridionale, portatrice delle sofferenze di un popolo stanco di essere schiavizzato (se si cancellano i diritti ad avere una buona sanità, un lavoro non precario e malpagato e una previdenza che non mortifichi gli ultimi anni di vita, si è di fatto ucciso un popolo) e dall’altro quella settentrionale, sostenitrice di istanze di maggiore sicurezza e di minor tasse.

I successi del M5S e della Lega hanno portato al governo un modo diverso di fare la politica e di amministrare la res publica.
Un modo che subito ha attirato le attenzioni dei burocrati europei, i quali, impauriti che il popolo torni ad essere sovrano, hanno fatto e fanno di tutto per eliminare l’inconveniente uscito fuori dalle urne. Certo il governo gialloverde non perde occasione per far parlare di se in maniera non proprio lusinghiera ma è altrettanto vero che la volontà democratica è stata chiara e che rappresenta l’unico argine contro una plutocrazia che ha come unico interesse quello di consentire a pochissime persone di fare enormi profitti a scapito della maggioranza. Plutocrazia che ha affamato nazioni come la Grecia e che vuole gli italiani sempre più ignoranti e poveri, perché è solo attraverso l’ignoranza e la miseria che possono mantenere ben salde le loro catene allo stato e ricattare, così, i suoi cittadini. Scegliere con chi stare non è solo una mera opzione politica ma è soprattutto una scelta su quale modello sociale puntare per il futuro.

Il Made in Italy continua a piacere nel mondo anche se ci sono realtà dove il made dovrebbe essere sostituito con la parola “assembled”…
Il 2018 è stato anche l’anno di una tragedia che ha messo in ginocchio la città di Genova ma che al tempo stesso, ha reso nudo un modo affaristico di privatizzare gli utili e pubblicizzare le perdite (non solo in termini economici ma anche di vite).
Se guardiamo, poi, a quanto avviene nel mondo del calcio, beh, non si comprende come mai ancora nessuna procura abbia iniziato un percorso che mettesse chiarezza in un mondo che di sportivo, oramai, ha nulla.

Come è stato il mio 2018? Dipende…Lavorativamente non posso che ringraziare il mio editore Emanuele Bompadre, perché come redazione (piccina piccina ma tanto carina…) non solo abbiamo raggiunto i risultati prefissati, ma siamo andati ben oltre. Il Tabloid è sempre più un insieme di voci diverse ascoltate e lette da una platea che cresce mese dopo mese. Credo che del nostro modo di fare comunicazione venga apprezzata la sensibilità verso le piccole realtà e la sincerità nella esposizione dei fatti, dove l’opinione non camuffa la verità; il tutto senza ricevere 1 euro di soldi pubblici.

Come avvocato, poi, ho il piacere di essere diventato un consulente ascoltato da una clientela che non sempre vede nella lite giudiziaria l’unica strada percorribile.
Professionalmente il 2018 è stato “cosa buona e giusta”.
Purtroppo qualche acciacco di salute (per fortuna non grave) e di cuore hanno reso agrodolce un anno che, altrimenti, sarebbe stato invidiabile. Ma fa parte del gioco della vita, dove la coperta non è mai lunga abbastanza…Ammetto di aver commesso degli errori, ma, adesso faccio l’avvocato di me stesso, solo chi non opera non sbaglia.
Il 2018 mi ha fatto riscoprire le gioie ed i dolori dell’anima. Mi ha messo di fronte, ancor di più, alle mie responsabilità. A mio avviso, un uomo può dirsi davvero libero quando è consapevole delle proprie responsabilità. Responsabilità intesa come capacità di rispondere, attraverso delle scelte, agli appelli della vita.
Dispiace, non lo nascondo, l’essere stato non compreso e creduto; da un lato le mie parole non sono state incisive così come dall’altro lato, forse, non c’era peggior sorda di chi non voleva sentire. Anche questo è il gioco della vita.

In fondo l’amore è come il tango: si balla sempre in due e se la musica non piace, la colpa (chi più e chi meno) è di entrambi i ballerini. Sono sicuro che un giorno ci perdoneremo i rispettivi errori; “Amor vincit omnia, iustus de omnibus”.
Il 2018 mi ha dato la conferma che ho delle amiche e degli amici straordinari, che anche quando sono lontani centinaia di chilometri, sento forte il loro affetto e amore.
Da una vita, invece, sono consapevole di avere un padre che nonostante tutto, mi vuol bene.
Come sarà il 2019? Posso solo immaginarlo e questa è la mia speranza.
Prepariamoci a contrastare un’offensiva senza precedenti da parte di quei poteri forti che hanno trasformato l’Europa in un’unione finanziaria e non dei popoli. A fine maggio ci saranno le elezioni europee e saremo chiamati a scegliere tra chi vuole mantenere lo status quo ante e chi ha idee differenti. Mi piacerebbe che gli europei premiassero chi ha una visione del vecchio continente rispettosa delle diversità delle singole nazioni. Un’Europa dove ogni cittadino possa sentirsi europeo senza che ciò significhi mortificare il suo essere spagnolo piuttosto che portoghese o greco. Si può e si deve essere al tempo stesso sia italiani sia europei. Italiani rispettati nel loro modo di essere, che stringono la mano ad altri cittadini, anche loro rispettati nelle loro peculiarità. Solo un folle o un somaro può credere di far funzionare in Italia il sistema che funziona in Germania.

Ah, guai a dire che loro sono meglio di noi…loro chi? Non dimentichiamo che, semmai, sono loro a doverci guardare con ammirazione, perché la storia non si cancella. Storia che dice che, con tutti i nostri difetti, abbiamo civilizzato con la nostra arte, la nostra cultura, le nostre idee ed il nostro diritto non solo l’Europa. Un esempio su tutti: la paternità del diritto alla felicità riconosciuto dalla costituzione americana.
Se solo imparassimo ad essere un popolo più unito…
Si può, quindi, costruire qualcosa di bello anche con le pietre che ostacolano il nostro cammino. Qualcuno mi dirà che sono un’inguaribile ottimista. Non è vero, sono solo un uomo che non ha mai perso il coraggio della speranza.

Il coraggio della giustizia, di non piegarsi al compromesso, al grigiore di così fan tutti, di non cedere alle lusinghe della prevaricazione: non si può essere felici sul cadavere degli altri.
Spesso sento dire che si è troppo vecchi o stanchi per cambiare. Che ingenuità! Il cambiamento è sempre possibile, a qualsiasi età e in tutte le circostanze. Occorre volerlo con coraggio, umiltà e determinazione.

Speriamo e lottiamo, allora, per un mondo migliore. La speranza (come diceva Alessandro D’Avenia) non è il vizio dell’ottimista ma è il vigoroso realismo del fragile seme che accetta il buio del sottosuolo per farsi bosco.

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 12972 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.