Il Natale che vorrei

Il Natale che vorrei



Caro Babbo Natale, non ti scrivo da tempo, ho sotterrato quel vecchio carillon in cantina e forse, nel tempo, ho deposto la speranza. Non ho forza di cambiare.
Vivo in un Paese che ti abbaglia, ti illude, ti stordisce, dove la laurea è un pezzo di carta, non è sudore, non è fatica è un punto di partenza,  dove la politica è un castello di parole.

Si parla di cambiamento, si invoca il futuro e poi tristemente ti imbatti in ponti caduti per il proliferare del “condizionale”. Siamo il Paese del “vorrei ma non posso”, della valigia in mano, della ricerca di un lavoro, dei burocrati, dei furbetti, dei sogni infranti, dei trentenni immobili, dei sistemi e dei divisionismi.

Uniti e disuniti, Sud e Nord contrapposti per storia

Uniti e disuniti, Sud e Nord contrapposti per storia, morale, economia, industrialismo e tradizione. Siamo nel paese degli stereotipi dove Napoli è mandolino, camorra, violenza e sporcizia, se nasci al Sud sei martoriato è felice perché come cantava Pino Daniele, cammini con l’acqua salata e non hai niente.
Mare, sole, un biglietto di solo andata via dalla tua Terra perché qui è complicato restare. Il lavoro,”a fatic”, perché non la definiamo così in quanto ti costa lacrime e sudore, non c’è,  la genialità, vanto meridionale, non ti serve.

Per scappare dal triangolo “pane, amore e fantasia”, rievocando donna Sofia, parti alla ricerca della stabilità, parola magica che ormai ti ossessiona, restare è complicato e se lo fai rimani schiacciato dalla non meritocrazia.
Rimani incredulo della non onestà che diventa prassi, respiri diossina e “campi”per miracolo, Terra dei Fuochi, il nome che diventa veleno già se lo pronunci.

Hai visto chi ami andare via perché l’aria s’add cagna’ mai frase su fu più vera è fumo che devasta l’anima, non serve chiamarla “Terra dei cuori” ai buonisti preferiamo i fatti e quando gli altri non feriscono la nostra Terra, ci pensiamo da soli. Incivili per scelta, immorali per non curanza.

Se avessimo occhi per apprezzarla, se avessimo mani per accarezzarla.

Invece siamo figli mutilati cresciuti con il mito di Gomorra, pronti a incolpare il sistema piuttosto che intervenire, ci puniamo da soli noi meridionali siamo nemici di noi stessi, rubiamo alberi di Natale per punirci da soli.

Ecco, vedi Babbo Natale una giovane ragazza del Meridione ha sola una piccola richiesta: restituisci la speranza, perché il carillon, deposto in cantina, suona ancora e lei vuole credere che è possibile cambiare. Vuole sperare per lei, i suoi coetanei, i suoi posteri che credere nei sogni è ancora giusto, che se vali, raggiungi, che i mezzucci non servono.

Che la tua Terra è ancora il regno dell’amore più che della diossina.

Forse scriverti è stupido.

Però io stanotte mi addormento con la musica del cuore e sogno un mondo meno sbagliato, meno ingiusto, più come lo vorrei.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.