Raggi: “Fare il biglietto deve diventare una cosa normale”



Così la Sindaca Virginia Raggi sulla sua bacheca Facebook in merito ai risultati raggiunti dall’ATAC:

Fare il biglietto deve diventare una cosa normale. Lo abbiamo detto più volte e gli ultimi dati di Atac sulla lotta all’evasione tariffaria ci dicono che possiamo vincere questa battaglia. Novembre è stato un mese record sul fronte delle multe, con una media di 600 passeggeri al giorno trovati senza biglietto sui mezzi pubblici. Secondo i dati dell’azienda, rispetto a novembre 2017 i controlli sono aumentati del 54% e le multe del 36%.

Da gennaio a novembre sono stati controllati oltre 2 milioni e 600 mila passeggeri e fatte oltre 155 mila multe. Un risultato più che positivo reso possibile da tutte le misure messe in campo per aumentare i controlli e spingere le persone a pagare il biglietto, dalla task force antievasione alla nomina degli autisti come agenti di polizia amministrativa che, ricordo, sono ormai un esercito: ben 3.600. L’introduzione dei Pos per il pagamento delle multe a bordo ci ha permesso inoltre di ottenere un altro record: a novembre sono quasi raddoppiate le sanzioni pagate entro i primi 5 giorni, segnando un +94% rispetto allo stesso mese del 2017.

Gli incassi dell’azienda sono in continua crescita, grazie all’aumento delle multe e al boom nella vendita dei biglietti, in particolare quelli turistici. Risorse che possono essere utilizzate per migliorare e potenziare il servizio di trasporto pubblico, a vantaggio di tutti i cittadini onesti che pagano il biglietto.

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 12777 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.