Italiani amici degli animali domestici: ne parliamo con il Dr. Zarelli

Italiani amici degli animali domestici: ne parliamo con il Dr. Zarelli



Gli Italiani sono sempre più amici degli animali domestici, sono milioni ormai che convivono con varie specie animali: cani, gatti, uccelli, criceti, tartarughe, pesci ecc..

Come noto gli animali più gettonati nelle case sono cani e gatti. L’amico più fidato per le persone è il cane, ormai Il nostro amico a quattro zampe è considerato un componente della famiglia. L’impegno sia morale sia economico è molto importante. La spesa media per mantenere il nostro amico fido è pari a 1.800 euro annui per un cane di taglia media. Purtroppo, ci sono persone che, pensando che il cane cresca da solo e che sia completamente autonomo, si pentono confrontandosi con l’impegno richiesto. Così nelle peggiori delle previsioni, il cane è abbandonato. Oggi c’è una legge che punisce seriamente chiunque abbandoni un cane. Abbiamo intervistato il Dottor Paolo Zarelli veterinario della Clinica Veterinaria di Napoli Vet for Life.

Dottore cosa consiglia alle persone che sono intente ad adottare un animale domestico?

Molte famiglie accolgono un pet in casa. Le valutazioni da fare sono tante, cerco di riassumerle: disponibilità di spazio e tempo da dedicare al pet: cani, gatti e animali non convenzionali hanno bisogno di tempo e cure da destinare loro; impegno economico per le spese alimentari e di gestione e spese mediche (non quantificabili). Entrambi, nel caso del cane, sono direttamente proporzionalmente alla taglia del cane. Altro consiglio mi sento di darlo alle famiglie con bambini piccoli, inferiori ai 10-11 anni d’età circa: ATTENZIONE GENITORI, adottare un cane con bambini piccoli è un impegno in più quindi una responsabilità in più per mamma e papà.

Oggi in Italia l’adozione di un animale domestico non è semplice, ci spiega gli adempimenti burocratici da assolvere per essere in regola – e perché in tanti non detengono regolarmente i loro animali?

In Italia vige l’obbligo di dichiarare il proprio cane alle aziende sanitarie locali. Ad oggi il supporto previsto è un microchip applicato tramite una siringa nel sottocute del cane. Tutti i veterinari delle Asl e medici veterinari liberi professionisti possono applicare il microchip. Tale microchip permette di risalire al nome dell’intestatario corrispondente al codice rilevato sul cane. Sono previste sanzioni per chi non applica il microchip. Si può applicare il microchip anche ai gatti ma in Italia non è obbligatorio.

Ci spiega un buon comportamento da tenere per una buona crescita del nostro amico fido?

Animali e uomo possono intendersi e capirsi, bisogna ricordarsi che noi umani utilizziamo dei canali di comunicazione simili ma non sempre uguali a quelli del cane o del gatto. Il miglior consiglio che posso dare è rivolgersi per delle informazioni utili alla crescita del proprio animale al Medico Veterinario, ricordandosi che esistono dei Medici Veterinari specializzati in etologia e benessere animali. Loro sono i più qualificati per dare i giusti consigli.

Vista la cementificazione delle città in cui viviamo, quanto ritiene compatibile la vita di questi animali (e a pensarci anche dell’uomo) con l’ecosistema che abbiamo creato?

Così come l’uomo si adatta a situazioni non propriamente naturali anche gli animali lo fanno. Il mio parere personale è che sia uomo che cani e gatti soffrono in contesti urbanizzati, ricordiamoci che il rapporto tra uomo e cane è nato in ambiente rurale. Per i gatti l’adattamento è moderatamente più gestibile.

In vista del natale molti desidererebbero avere un animale che puntualmente all’epifania si rivelerebbe un problema

Adottare o acquistare un pet significa arricchire la propria vita di una fonte inesauribile di affetto, cosa che gli animali donano senza chiedere nulla in cambio, ma rappresentano una responsabilità cui non ci si può sottrarre. Quindi pensateci bene prima.

Cosa delle pensa dell’inasprimento pene per chi abbandona un animale?

E’ cosa buona e giusta inasprire le sanzioni per chi abbandona o maltratta gli animali. Ricordiamoci che tutti gli animali, uomo compreso, hanno una propria dignità che va rispettata. Esprimo un giudizio personale in merito al rispetto delle leggi esistenti che tutelano il benessere animale ma che, come spesso avviene in altri ambiti, non vengono applicate le sanzioni per mancanza di adeguati controlli.

Ringraziamo il Dottor Paolo Zarelli per l’intervista

Chiunque voglia qualche informazione in più, può contattare il Dottore alla seguente mail:

paolo.zarelli.vet@gmail.com

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.