Saper vivere l’attesa in tempo di avvento



Se guardiamo la società di oggi ci accorgiamo che gran parte delle donne e degli uomini hanno perso la capacità di attendere.

Il presente precario, il futuro incerto, le continue incertezze lavorative e sociali, destabilizzano non solo il tessuto sociale ma anche l’equilibrio di molti di noi.

Non si crede più nel domani e si è smesso di sognare; tutt’al più si aspira a piccoli ed insignificanti desideri.

L’ orizzonte spirituale viene limitato giorno dopo giorno ed è sempre più complicato osservare al di là dello sguardo; molte persone diventano sempre più aride e tristi.

Se fossero una barca sarebbero una che ha paura di lasciare il porto dove si trova, anche se l’ancoraggio è poco gratificante.

Insomma non si prende più il largo e si vive l’illusione di una perenne aspettativa, con l’attesa di un qualcosa che sparigli le carte in tavola, la cui sostanza, però, è ignota.

Rinchiusi in questo limite, in queste menti le ansie si scontrano con forze inespresse e desideri latenti.

Sinceramente non credo sia umano accontentarsi di questo clima di chiusura.

Suggerisco a queste persone di vivere questo periodo di avvento natalizio con le parole “attesa”, “fiducia” e “speranza”.

Così facendo, a mio avviso, si avrà modo di spezzare le catene che tengono ferma la nostra “barca” per poter raggiungere, al termine di un viaggio la cui durata non è possibile conoscere prima, la felicità.

L’attesa della realizzazione è un qualcosa di interiore da vivere con fiducia e speranza; va vissuta con forza e con lo spirito di rinnovarsi.

Anche se sopra la propria testa dovesse esserci un cielo grigio, non significa che il giorno dopo non possa esserci un arcobaleno ed un meraviglioso sole.

A Natale regaliamoci, attraverso la fiducia e la speranza, noi stessi; auguri!

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 12124 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.