Morra: “Interdittiva antimafia per azienda pompe funebri che allestì funerale Casamonica è un segnale importante”



Nicola Morra, Senatore del M5S e Presidente della Commissione parlamentare Antimafia, è
intervenuto ai microfoni della trasmissione “L’Italia s’è desta” condotta da Gianluca Fabi,
Matteo Torrioli e Daniel Moretti su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università
Niccolò Cusano.

Sul contrasto alle mafie

“Certe volte sembra di vivere in un Paese in cui l’attenzione debba essere sempre rivolta ad altro –ha affermato Morra-. Il problema del benaltrismo affligge il nostro Paese da troppo tempo. Poco tempo fa con alti ufficiali della Guardia di finanza e si ipotizzava che il giro delle mafie potrebbe essere stimato in circa 150 miliardi di euro. Anche aggredire la metà di questo fatturato significherebbe restituire al Paese 2-3 leggi di bilancio all’anno e ridurre il debito pubblico, ma soprattutto permetterebbe a noi italiani di vivere un’altra vita perché la legalità tornerebbe ad essere pressante”.

Sull’arresto di esponenti della mafia foggiana

“È stata un’importante operazione –ha affermato Morra-. Abbiamo dato un segnale importante in un territorio che è stato considerato attenzionato dalla quarta mafia. Purtroppo lo Stato è rimasto molto indietro negli ultimi anni, si è pensato che la mitologia della mafia siciliana dovesse assorbire tutte le attenzioni, mentre in altri territori tante altre mafie sono cresciute”.

Sull’interdittiva antimafia per l’azienda di pompe funebri che allestì lo show per il funerale di Vittorio Casamonica

“È un segnale importante –ha dichiarato Morra-. Io, a suo tempo, proprio per commentare la procedura di abbattimento dei villini dei Casamonica, avevo ipotizzato una sorta di bollino blu etico che deve accompagnare quei professionisti che non si macchiano di atti contro lo Stato, perché quelle ville sono state costruite con l’aiuto di falegnami, idraulici, che hanno lavorato per l’anti-Stato non volendolo capire. Bisogna seguire l’esempio di Falcone e Borsellino, quando ti arrivano certe richieste bisogna fare immediatamente argine, a meno che non si voglia dare anche le chiavi di casa a questi signori. Serve il coraggio, non di negare la paura, ma di convivere con la stessa, fare rete e combattere il fenomeno mafioso estirpandolo alla radice, ci riusciremo solo quando tutti capiremo che non ci conviene delinquere”.

Sulla Commissione antimafia

“Falcone è diventato un avversario temibile per la mafia quando ha seguito passo passo i flussi finanziari –ha affermato Morra-. Noi dobbiamo capire che non è più coppola e lupara il distintivo della mafia, ma molto spesso è bianca, giacca e valigetta quella che permette azioni criminali e mafiose. Il giro di affari di queste aziende non è più legato solo al giro di affari estorsivo, poi questi signori entrano nell’economia legale e sono devastanti per gli operatori economici corretti. I cittadini non devono perdere la fiducia e resistere, resistere, resistere. Lo Stato democratico non può accettare il crimine”.

La precedente Commissione antimafia pubblicò la lista degli impresentabili

“È una cosa che certamente deve essere ripetuta –ha dichiarato Morra-. Dobbiamo suggerire all’attenzione degli elettori nominativi che i partiti sottopongono al voto dei cittadini quasi fossero uguali agli altri. Poi una volta che si segnala, il cittadino sarà pur sempre liberi di votare”.

Sulla rappresentazione delle mafie in tv e al cinema

“Premesso che noi dobbiamo pur sempre garantire la libertà di espressione, dobbiamo educare tutti a un’intelligenza critica. A distinguere la creazione cinematografica dalla realtà. I messaggi comunicativi hanno una fondamentale valenza comunicativa soprattutto quando vengono proposti dalla tv di Stato. E ricordo che suscitò in me forte stupore quando in un famoso salotto televisivo si legittimò l’opera letteraria del figlio di Salvatore Riina”.

 

Fonte Radio Cusano Campus

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.