Fiumicino e i suoi ponti, si fanno o non si fanno?

Ponte della Scafa, tra il disagio del traffico vincono sempre i furbetti



Chi abita a Fiumicino conosce bene alcuni punti nevralgici della cittadina, il Ponte della Scafa, il ponte dell’Aeroporto e ovviamente il Ponte Due Giugno. Tre ponti che hanno segnato la storia del territorio sia in bene che in male, tra traffico in tilt, carreggiate troppo strette e lamentele. Ultimamente poi si è arrivati ad un picco massimo di tolleranza con i cittadini che sono esasperati dal traffico aumentato che ha riguardato i tre ponti dopo il 14 agosto.

Ennesima tragedia all’italiana quella del Ponte Morandi di Genova

Il 14 agosto ha cambiato la percezione di ognuno di noi quando il concetto di strade sicure è venuto a mancare dopo il crollo del Ponte Morandi a Genova. Subito, come accade sempre in Italia, è scattato l’allarme in tutto il paese con ponti che fino ad un minuto prima vedevano transitare milioni di macchine e che un minuto dopo sono diventati pericolosi e pericolanti. Ci sono voluti 43 morti e quasi 300 sfollati per far decidere al governo e alle varie istituzioni ed enti che forse qualche ponte era a rischio crollo.

Fiumicino, chiusa tra tre ponti

Ovviamente anche Fiumicino ha avuto la sua parte con la chiusura quasi immediata del Ponte della Scafa, ricordiamo che fino alla mattina dello stesso 14 agosto sul ponte saranno transitate centinaia di auto (pochissime visto il periodo di vacanza) e che nel pomeriggio fu chiuso per “possibili” crolli. Solo questa situazione ha del grottesco!

Giorni e giorni di caos con traffico in tilt e quasi 60 chilometri per fare Fiumicino-Ostia-Fiumicino (distanza reale 4 chilometri). Oggi la situazione del ponte della Scafa è certamente migliorata ma non definitiva visto che si passa ancora a stento con due grossi dossi sulla carreggiata con la viabilità stravolta. È continua la protesta degli abitanti e dei commercianti di Via Trincea delle Frasche che chiedono la riapertura del semaforo per evitare disagi e soprattutto una debacle commerciale delle attività. Aggiungiamo il divieto di svolta per via della Scafa, che quasi nessuno rispetta e senza che nessuno decida di agire con forza con multe e sanzioni. Discutibile che sia la decisione di non far svoltare è comunque da rispettare, è un segno di civiltà di un paese. Prima si rispetta poi si protesta!

Il ponte dell’aeroporto

Pochi chilometri più avanti c’è il ponte dell’Aeroporto anch’esso segnalato come pericoloso e chiuso su una carreggiata per evitare di sollecitarlo a causa del troppo peso delle auto. In questo casa si parla di buttarne giù una parte, il tratto tra Via Portuense e la rotonda di Piazza Umberto Nobile, con un tempo di ricostruzione che si aggira intorno ai due anni. Due anni per circa un chilometro di ponte, tanto per fare un paragone, il ponte più lungo del mondo di 55 chilometri che collega Hong Kong e Macao è stato costruito in otto, nel frattempo da noi in studio una viabilità alternativa che permetta a migliaia di pendolari di raggiungere l’autostrada Roma-Fiumicino e soprattutto l’aeroporto.

Ma cosa succederà?

Dopo un periodo di grande eccitazione in cui si parlava esclusivamente dei ponti oggi la situazione sembra essere arrivata ad uno stallo dove ancora di certo c’è poco tranne che migliaia di auto che ogni giorno passano su un ponte che tecnicamente deve essere buttato giù perché probabilmente è pericolante. A questo punto ci chiediamo dove sta la verità? È l’ennesima situazione all’italiana o c’è veramente un pericolo? Chi si prende la responsabilità di dire che il ponte dell’aeroporto è agibile e che non crolli da un momento all’altro? I fatti di Genova insegnano oppure sono solo tragedie che quando si sono dimenticate, passano anche i problemi? Pensiamo che oggi i cittadini debbano esigere delle risposte chiare, certe e soprattutto che la sicurezza del transito sia assicurata per evitare, sia mai, una nuova tragedia.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.