Fiano: “Legittima difesa: dire che la difesa è sempre legittima è inaccettabile in uno Stato di diritto”

Emanuele Fiano



Emanuele Fiano, deputato del PD, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “L’Italia s’è desta” condotta da Gianluca Fabi, Matteo Torrioli e Daniel Moretti su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano.

Sul caso del gommista di Arezzo e il tema della legittima difesa

“Dobbiamo esprimere innanzitutto la nostra solidarietà e la nostra comprensione a chi si ritrova in casa o in negozio un malvivente –ha affermato Fiano-. Nessuno di noi può far finta che sia una cosa da nulla trovarsi in casa uno sconosciuto. Dopodichè è evidente che la soluzione per la tutela della sicurezza personale e collettiva non può essere soltanto l’autodifesa, è impensabile, tant’è vero che i nostri Padri costituenti hanno assegnato allo Stato la tutela della sicurezza. Il motto di Salvini ‘la difesa è sempre legittima’ è per noi inaccettabile in uno Stato di diritto. Esiste il diritto alla legittima difesa, ma non esiste la possibilità di un’azione, una condotta che non venga giudicata da un giudice. Nella scorsa legislatura è stato inserito il criterio del grave turbamento psicologico, ma a giudicare deve essere sempre un giudice. E’ giusto che i giudici abbiano la possibilità di comprendere tutte le fattispecie, noi non dobbiamo restringerle, dopodichè non è pensabile che la Lega in una legge dica che la proporzionalità della difesa all’offesa è sempre garantita, senza bisogno di un processo”.

Sul Global compact

“Il governo ha dimostrato chi è il vero primo ministro, Conte non conta. Conte ha annunciato all’Onu che l’Italia avrebbe votato sì, il Ministro degli Esteri Moavero ha annunciato in Parlamento che l’Italia avrebbe votato sì. Ieri il vicepremier Salvini ha detto che l’Italia non andrà in Marocco e non voterà sì. E poi ha detto che la questione verrà portata in aula. E lì vedremo cosa voterà il M5S. Questo è il contratto che ha Salvini con il proprio elettorato. Lui è molto bravo a comunicare con il proprio elettorato, ha individuato nell’immigrazione tutti i problemi di questo Paese. E’ come Re Mida, tutti gli argomenti politici che tocca legati agli immigrati diventano oro per il suo consenso. Non è un caso che il M5S scenda nei consensi perché i provvedimenti cari legati al M5S sono legati all’economia e costano. I provvedimenti di Salvini costano di meno. Non so neanche se lui abbia letto il testo del global compact, per lui è una bandiera ideologica”.

 

Fonte Radio Cusano Campus

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.