L’unica cosa di cui dobbiamo avere paura è la paura stessa



Con questo articolo voglio porre alla vostra attenzione, simbolicamente attraverso un quadro, il fatto che anche quando tutto attorno a noi è buio pesto, alla fine, la “luce” non ci abbandonerà e tornerà a risplendere sul nostro cammino.
Il quadro che richiamo si trova nella “Cappella del Crocifisso dei Capece” della Chiesa di San Domenico Maggiore in Napoli. Raffigura un crocifisso ed è severo nell’intensità; il suo autore è sconosciuto anche se la tradizione accredita l’opera a Giovanni Girolamo Capece.
La figura del Cristo è contornata dal buio, dalle tenebre.
Ecco nell’ammirarlo, mi è venuto in mente che durante il percorso di vita di ogni uomo, ci sono momenti che lo vedono circondato da una profonda oscurità. Il fosco può essere inteso in vari modi come un problema di salute, di famiglia, di lavoro, di amore e tante altre forme che le complicazioni possono avere.
Insomma quell’oscurità è un qualcosa che ci tormenta e che rende le nostre esistenze un calvario.
Orbene, quante volte vi è capitato che proprio quando il cupo sembrava aver preso il sopravvento e fosse invincibile, una luce ha spazzato via quel triste buio e riportato la gioia nei vostri cuori, la serenità nelle vostre menti ed il ristoro nei vostri corpi?
Quando tutto è sembrato perso, un raggio di sole ha illuminato le nostre vite, vero?
Ecco la speranza, la fiducia, la voglia di lottare e la fede non devono mai venir meno perché più buio della mezzanotte non può fare. Una volta scoccata la mezzanotte, non è paradossale, inizia quel percorso che porta alla luce.
In quel quadro Cristo è lì a ricordarcelo con tutta la sua sofferenza e con tutto il suo dolore.
Guai a mollare, guai a perdere la speranza anche nei momenti più bui.
So bene che è difficile e che non è affatto facile.
Mi permetto di darvi un consiglio: guardatevi dentro, raggruppate tutte le vostre energie positive, fate affidamento sulle vostre forze e su quelle di chi davvero vi vuol bene e con fede e speranza vedrete che il vostro mondo comincerà a colorarsi, proprio come un arcobaleno colora il cielo dopo la pioggia.
Qualcuno ha affermato che “L’uomo moderno non teme la morte ma teme la vita”. Le insicurezze e le incertezze trasformano il mondo e la vita in luoghi infidi dai quali proteggersi; ciò è sbagliato.
Dobbiamo sforzarci a vincere innanzitutto l’angoscia dell’impotenza, per amare la nostra vita sia nella gioia sia nel dolore.
Non dimentichiamo, poi, che esiste un luogo dove vengono raccolte tutte le occasioni perse e gli appuntamenti mancati; quel luogo si chiama rimpianto.
Come ebbe a dire Roosevelt “L’unica cosa di cui dobbiamo avere paura è la paura stessa”.
Quel quadro è lì a dimostrarcelo.

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 12124 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.