Lo spread e il salumiere

Lo spread e il salumiere



Al sud la salumeria è un’istituzione molto al di sopra del semplice negozio. Il salumiere è colui che in una giornata storta ti riporta in vita col prosciutto migliore, la mozzarella buona e con il pane che non trovi da altre parti che crea dipendenza. Al salumiere  di fiducia si possono confessare quei peccati di golosità che altrove sarebbero considerati debolezze, perchè la salumeria è il centro nevralgico delle abitudini alimentari di un discreto numero di persone. Ma sbaglierebbe chi  considerasse la salumeria un luogo dominato soltanto da istinti mangerecci, al contrario vi si tengono discorsi di un certo impegno e quindi si parla pure dello spread.

Lo spread significa…

Lo spread alla lettera significa”divario” o “differenza”, ma divario tra cosa? Fra i titoli di Stato italiani, i famosi BTP per intenderci e gli equivalenti tedeschi. Quando la differenza fra i nostri titoli di stato e quelli tedeschi aumenta sale pure il tasso d’interesse che paghiamo se chiediamo in prestito denaro per finanziare il nostro debito pubblico. Quindi le aziende che chiedono finanziamenti possono avere delle difficoltà o andare incontro a spese maggiori.

Qualcuno, meno informato del  salumiere, potrebbe dire che a lui la cosa non interessa perchè tanto l’azienda non ce l’ha. Errore, lo corregge il mio “esperto”, che come direbbe Totò è “uomo di mondo” e gli ricorda che come la maggioranza degli italiani  anche lui ha sicuramente un mutuo o un prestito in corso, se non tutti e due! Di fronte allo spread che sale e agli interessi che aumentano si potrebbe pagare di più per il mutuo o  avere meno agevolazioni per comprare un auto, decidendo di rinviare la cosa ad un momento più favorevole  morale della favola l’economia rallenta, ma non succede solo nel nostro paese e, aggiunge sempre il  salumiere: “Si sa, i mercati sono volatili”.

Il panino allo… spread

Una prospettiva che può far venire brutti pensieri e turbare quel momento di grande concentrazione che di questi tempi è diventato fare la spesa. E’ a quel punto che il  salumiere sfodera l’asso nella manica tirando fuori uno di quei panini che mette da parte per i clienti più affezionati. Lo farcisce pescando con mano sapente dai vassoi posti sul banco e pieni di contorni sfiziosi. Allora il cliente, per darsi un tono, chiede  se a quell’ora già si sa se lo spread è in salita oppure sta scendendo. Risponde sibillino lui  che ci sono le oscillazioni e si documenterà per tenervi aggiornato. Poi vi allunga il panino dicendo: “Sono dieci euro, informazioni incluse. Lo spread un poco di aumento lo porta sempre, si sa…”

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.