Serra de’ Conti, cicerchia: la bontà torna in tavola



Un evento che nasce dalle mani e dal cuore di un’intera comunità, che da più di 20 anni si
riunisce in onore della regina dei legumi poveri. “Ci cerchiamo con gusto” è lo slogan
con il quale Serra de’ Conti, uno dei borghi più affascinanti e meglio conservati di tutte le
Marche, chiama a raccolta gli amanti delle tradizioni di una volta alla Festa della
Cicerchia
: l’appuntamento è fissato dal 23 al 25 novembre nel paese in provincia di
Ancona per una kermesse che esalta il buongusto, i colori e i profumi dell’autunno,
riscoprendo i sapori di un tempo e riportando alla memoria i valori del lavoro nei campi.

Nello splendido centro storico di impianto duecentesco, racchiuso da una cinta
muraria
spezzata da dieci torrioni, saranno tre giorni all’insegna di un tuffo all’indietro
nel passato senza nostalgie, ma per non dimenticare le radici di una cultura contadina
che è ancora più viva che mai. Divenuta oggi “Presidio Slow Food” ed elemento di
identità delle terre del Verdicchio, fino a pochi anni fa la cicerchia era considerata un
legume in via di estinzioneè stato il lungo e accurato lavoro di un gruppo di agricoltori
del posto a permettere la salvaguardia e la valorizzazione di un prodotto originario del
Medio Oriente, già apprezzato dai Greci, che fu conosciuto e ampiamente utilizzato
dagli Antichi Romani.

La ciceerchia

Questo legume povero è così diventato un simbolo della centralità della terra e delle
realtà produttive minori da salvaguardare. Nelle Marche, la cicerchia si semina
tradizionalmente nel “giorno cento” dell’anno, ovvero all’inizio di aprile: un tempo,
averla in dispensa costituiva una garanzia per l’imminente inverno perché ha un buon
rapporto proteico – superiore del 30% a quelle dei ceci, del pisello e della lenticchia – ha pochi grassi e molti amidi.

La festa

Alla festa di Serra de’ Conti i visitatori resteranno sorpresi dalla versatilità della cicerchia in cucina e dal gusto che riesce a regalare a moltissime ricette: specialità da assaggiare nelle antiche cantine, nelle grotte, nelle locande e nelle osterie del centro storico, che proporranno piatti a base di cicerchia e non solo, perché in tavola ci sarà tutto il meglio della tradizione marchigiana con oltre 100 ricette diverse. Intorno alla regina dei legumi poveri, infatti, è partito negli ultimi anni un prezioso lavoro di riscoperta di altre perle della gastronomia del territorio che erano finite nel dimenticatoio: e così la manifestazione sarà ampio spazio ai  produttori agricoli e agli “Agricoltori Custodi” (un progetto dell’Agenzia Servizi al Settore Agroalimentare delle Marche) con le loro tipicità, tra cui la cipolla di Suasa, la favetta di Fratterosa, i legumi di Appignano, il pomodoro da Serbo, il miele, le tisane, le confetture, il vino e l’olio di oliva. In occasione della Festa si assegnerà anche il “Premio per la Biodiversità agroalimentare nelle Marche”, giunto alla tredicesima edizione e istituito per far conoscere chi sul territorio regionale lavora quotidianamente per ridare centralità al cibo buono e pulito.

L’artigianato

Anche l’artigianato tradizionale metterà in mostra lavori in legno e in vimini, pizzi e merletti, cucito e ricami, terrecotte e lavorazioni in vetro, grazie anche a vecchi mestieranti che, con il loro “saper fare”, ridanno vita ad antiche lavorazioni che stanno ormai scomparendo.  Il ricco programma di intrattenimenti vedrà protagonisti gruppi folkloristici e stornellatori che fanno da filo conduttore a nuove esperienze, come le street-band e gli artisti da strada, che cercheranno un contatto diretto con il pubblico negli angoli e nelle piazze di uno dei paesi più affascinanti della Regione.

Serra de’ Conti

A Serra de’ Conti meritano una visita il Museo delle Arti Monastiche, una struttura unica nel suo genere che racconta oltre cinque secoli di vita claustrale attraverso gli oggetti della vita quotidiana e delle attività manuali delle monache, oltre al Chiostro di San Francesco annesso al Palazzo Comunale, al Monastero di Santa Maria Maddalena e al percorso panoramico di San Paterniano.  Per rendere la Festa della Cicerchia il più possibile eco-sostenibile, vengono utilizzate da anni posate e materiali compostabili e biodegradabili, oltre alla carta riciclata sia per uso alimentare che per la stampa dei pieghevoli. Per tre giorni, insomma, Serra de’ Conti legherà storie e profumi, sapori e saperi, arti e memorie, tradizioni e innovazioni: i valori di un mondo vero e genuino!

Informazioni su Samantha Lombardi 5554 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.