Anche il Tar del Lazio ha bocciato Ryanair



Anche il Tar del Lazio ha bocciato Ryanair sulla questione del supplemento richiesto ai passeggeri per il trasporto del bagaglio a mano. Lo afferma il Codacons, commentando il provvedimento dei giudici amministrativi con cui vengono rigettate le istanze della compagnia aerea.
“Il Tar ha confermato la validità dei provvedimenti dell’Antitrust e, per effetto di tale decisione, resta sospesa la nuova policy della compagnia sui bagagli – spiega il presidente Carlo Rienzi – Ciò significa che qualsiasi richiesta economica avanzata da Ryanair agli utenti per il trasporto dei trolley è, allo stato attuale, illegittima, e rappresenta una violazione delle disposizioni dell’Autorità”.
“Pertanto invitiamo la compagnia aerea a porre fine a qualsiasi comportamento lesivo dei diritti dei consumatori e a rimborsare il supplemento bagagli pagato dai viaggiatori per effetto delle nuove politiche tariffarie, anche per evitare pesanti e costose azioni in tribunale che danneggerebbero unicamente le casse della società” – aggiunge Rienzi.
Ci auguriamo che Ryanair – che sta tenendo incontri con il Codacons per migliorare le condizioni dei passeggeri – voglia arrivare a sistemi automatici di indennizzo che evitino una miriade di vertenze giudiziali e riconoscano i diritti degli utenti.
Il Codacons ricorda infine che sul sito dell’associazione è disponibile il modulo attraverso il quale gli utenti possono richiedere a Ryanair la restituzione delle maggiori somme pagate per il trasporto dei bagagli a mano grandi.

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 12989 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.