10:40, 12 novembre 2003: mai gli italiani furono così uniti

10:40, 12 novembre 2003: mai gli italiani furono così uniti



Ore 10 e 40 del 12 novembre, l’Italia in quel preciso momento si fermò, da noi erano le 8 e 40. 15 anni dal più grave attacco che le truppe italiane hanno subito dalla seconda guerra mondiale. Nassiriya rimarrà per sempre una ferita aperta nella mente di tutti, quella tragica mattina persero la vita 19 italiani e 9 iracheni.

Operazione Antica Babilonia

L’operazione antica Babilonia, a cui partecipavano circa 3000 militari serviva per ricostruire il paese dopo la caduta di Saddam, uomini che erano li in una missione di pace per dare una mano. La base era situata al centro dell’abitato di Nassiriya divisa in due postazione la Libeccio e la Maestrale. Quella mattina un camion con circa 300 chili di esplosivo guidato da due kamikaze si schiantò sul cancello, grazie alla prontezza del carabiniere Andrea Filippa che uccise i due uomini prima che potessero entrare con il camion all’interno dell’aerea.

L’esplosione fu però devastante a causa della successiva esplosione del deposito munizioni colpito dalla deflagrazione del mezzo pesante. Proprio qualche mese prima il presidente americano Bush aveva annunciato il “missione compiuta” dopo le prime operazioni in Iraq, frase quanto mai smentita dai fatti e dall’escalation di violenza e ribellione che vide protagonista l’intero paese. L’attentato fu organizzato dai ribelli guidati da Al Qaeda e costarono molto in termini di vite perse, circa 150mila i civili morti.

L’arrivo delle salme in Italia

L’arrivo delle salme in Italia all’aeroporto di Ciampino fu tra i momenti più toccanti, Roma intera si era accalcata sulla Via Appia che dall’aeroporto porta al centro di Roma per dare l’ultimo saluto ai nostri caduti. I funerali di Stato si tennero il 18 novembre nella basilica di San Paolo fuori le mure con migliaia di persone provenienti da tutta Italia. Persone che per tutta la notte precedente erano andati a dare il loro saluto ai nostri eroi all’Altare della Patria. Quella mattina chiusero i negozi e le bandiere italiane sventolarono a mezz’asta.

I caduti

Tra i caduti anche due civili  il cooperatore internazionale Marco Beci e il regista Stefano Rolla che si trovava a Nassirya per girare un documentario sulla missione.

Tra i carabinieri:

Massimiliano Bruno, maresciallo aiutante, Medaglia d’Oro di Benemerito della cultura e dell’arte
Giovanni Cavallaro, sottotenente
Giuseppe Coletta, brigadiere
Andrea Filippa, appuntato
Enzo Fregosi, maresciallo luogotenente
Daniele Ghione, maresciallo capo
Horacio Majorana, appuntato
Ivan Ghitti, brigadiere
Domenico Intravaia, vice brigadiere
Filippo Merlino, sottotenente
Alfio Ragazzi, maresciallo aiutante, Medaglia d’Oro di Benemerito della cultura e dell’arte
Alfonso Trincone, Maresciallo

Tra i militari dell’esercito

Massimo Ficuciello, capitano
Silvio Olla, maresciallo capo
Alessandro Carrisi, primo caporal maggiore
Emanuele Ferraro, caporal maggiore capo scelto
Pietro Petrucci, caporal maggiore

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.