Il calcio a 360 gradi



Il calcio sta attraversando un periodo di profondo cambiamento, dettato ovviamente dalle nuove tecnologie. Oggi, infatti, i campioni del calcio come Cristiano Ronaldo, Messi, Neymar e Buffon sono conosciuti in tutto il mondo grazie anche ai social network. Oggi, infatti, il web è ricco di portali che ci tengono aggiornati su tutto quello che gira intorno al mondo del calcio. Tutto questo rende possibile seguire le gesta dei nostri beniamini praticamente ovunque. Ad esempio se si ha un abbonamento è possibile vedere la partita sullo smartphone mentre se si vuole restare semplicemente aggiornato ci sono siti specifici gratis come Skores che è ovviamente disponibile tramite app anche su smartphone Android.

Ma oltre al modo di seguire le partite è cambiato anche la struttura calcistica in generale. I vertici del calcio mondiale stanno studiando le soluzioni adatte a migliorare questo sport. La Fifa, ad esempio, vuole rivoluzionare il calciomercato, cancellando la «finestra» invernale e mettendo un limite alle commissioni per agenti e intermediari oltre al tetto salariale per i calciatori. Per non parlare, poi, dell’introduzione del Var (Video Assistance Referee). Questo sistema sfrutta l’armamentario di telecamere posizionate a bordo campo e sulla linea di porta per verificare quello che succede durante la partita e aiutare l’arbitro presente in campo a non farsi sfuggire niente. Per qualsiasi mancanza, quest’ultimo viene avvisato mediante un segnale sonoro e provvederà a riparare al proprio errore.

Dopo una serie di esperimenti, la FIFA ne ha annunciato l’impiego in occasione del Mondiale 2018 in Russia. In Italia l’ok definitivo allo sbarco del VAR in Serie A e Coppa Italia è arrivato nel mese di giugno 2017, con contestuale abolizione degli addizionali (gli arbitri di porta).

Il ricorso al VAR può avvenire sia in caso di richiesta diretta da parte dell’arbitro (indeciso su una chiamata), sia su segnalazione da parte degli assistenti qualora sia stata presa una decisione chiaramente sbagliata.

L’impiego del VAR non può essere invocato in alcun modo da calciatori, staff tecnico e dirigenziale delle squadre coinvolte: sono previste sanzioni in caso di richieste plateali o di interferenze con l’arbitro durante l’analisi video.

Una vera e propria rivoluzione tecnologica che sta ben funzionando nel mondo del calcio. Non a caso, infatti, quasi tutti i maggiori campionati europei hanno deciso di adottare questa soluzione innovativa capace di migliorare la regolarità delle partite e quindi dei tornei. Anche in Champions League, a partire dalla fase a scontro diretto, gli arbitri potranno approfittare di questa tecnologia durante le partite.

Il calcio, dunque, si sta evolvendo molto velocemente e di conseguenza cambia anche il modo di approcciarsi ad esso. Basti pensare ai grandi campioni che comunicano con i propri fan attraverso i social network e li informano circa gli spostamenti, gli allenamenti e quant’altro. La tecnologia, dunque, al centro di un mondo sempre più amato e seguito, che non potrà fare altro che accrescere la passione dei tanti sportivi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.