Raggi: “Si lavora senza sosta per limitare i disagi dopo la tempesta di vento”



 

Così la Sindaca Virginia Raggi sui disagi causati dal forte vento:

Si lavora senza sosta per limitare i disagi ai cittadini dopo la tempesta di vento che ha colpito Roma e il Lazio. Dall’inizio dell’emergenza maltempo 180 uomini del Servizio Giardini sono al lavoro in tutta la città per rimuovere alberi e rami caduti. E anche oggi, dalle 5.30 di mattina, sono tutti all’opera.

Da ieri le squadre sono state impegnate per liberare i vialetti d’accesso delle scuole. Gli ultimi interventi per rimuovere detriti, rami o alberi caduti sono stati effettuati in alcune scuole del V e VI Municipio in modo da poter garantire l’accesso sicuro agli alunni. Le operazioni continueranno nei prossimi giorni, anche durante il ponte di festa.

Lo abbiamo visto tutti: le fortissime raffiche di vento hanno fatto cadere rami, calcinacci, tegole e soprattutto una quantità impressionante di foglie. Stiamo intervenendo per evitare che questi detriti finiscano in tombini e caditoie che potrebbero otturarsi in caso di pioggia.

Da ieri sono in funzione oltre 100 spazzatrici per pulire le strade. Sono già intervenute in diverse zone della città, da nord a sud.

Per quanto riguarda il verde le segnalazioni arrivate sono state tantissime e gli interventi effettuati finora sono stati più di 340. Ringrazio ancora una volta tutti coloro che continuano ad impegnarsi per garantire la sicurezza di tutti noi cittadini.

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 11936 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.