Terremoto nel catanese, bella pagina di servizio pubblico su Rai Radio2: la telefonata del sindaco di Adrano che ringrazia i conduttori

Terremoto nel catanese
Fonte foto: Corriere



Nel cuore della notte il sindaco di Adrano, Angelo D’Agate, chiama Rai Radio2: “I miei concittadini mi hanno segnalato lo straordinario lavoro che state facendo. Vi volevo ringraziare, qui la situazione è sotto controllo. Solo tanta paura, piccoli crolli, ma piano piano torniamo alla normalità”.

Terremoto nel catanese, Radio2 la prima a dire cosa stava accadendo nel catanese

E in effetti Radio2 è stata la prima a dar conto di quanto stesse accadendo nel catanese. Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio, in diretta con il format “I Lunatici”, monitorando Twitter e grazie alla telefonata di una ascoltatrice, che direttamente da Catania ha segnalato la forte scossa delle 2.34, hanno accompagnato i cittadini etnei praticamente in tempo reale. Rivolgendosi agli ascoltatori siciliani, li hanno invitati a chiamare lo storico 06 31 31 per intervenire in diretta, e minuto dopo minuto, grazie alla viva voce dei cittadini ancora impauriti per il terremoto, hanno ricostruito quanto accaduto.

Nella notte di Radio2 ci sono state varie fasi

Quella della paura, con le prime telefonate della gente nel panico, quella del riepilogo, con gli ascoltatori che chiamavano dai comuni più vicino all’epicentro, che confermavano il terrore per la scossa, ma aggiungevano che non c’erano stati danni a cose o a persone, e quella del sollievo, quando telefonata dopo telefonata diventava sempre più chiaro che la paura, sì, era stata tanta, ma che per fortuna il bilancio dei danni è stato contenuto.

Una meravigliosa pagina di servizio pubblico, con due voci che in diretta, nel cuore della notte, hanno parlato alla gente e con la gente, senza isterismi, senza piagnistei, con l’unico obiettivo di far capire alle persone, con le persone, cosa stesse realmente accadendo. La magia della radio. Che ancora una volta ha anticipato ogni altro mezzo di comunicazione.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.