Viadotto per l’aeroporto, ufficiale dovrà essere demolito

Viadotto per l'aeroporto, ufficiale dovrà essere demolito



Dopo i lavori sul ponte della Scafa, arriva la notizia che aleggiava nell’aria da qualche giorno: l’intervento su quella che è via dell’aeroporto di Fiumicino conosciuta anche come il viadotto della Scafa o viadotto dell’aeroporto. Dopo i restringimenti degli ultimi giorni per verificarne l’usura era arrivata la notizia che il restringimento era ad oltranza fino a questa mattina quando il sindaco Montino, in una conferenza stampa ha confermato il peggiore dei mali, che un tratto del viadotto dovrà essere abbattuto.

Viadotto per l’aeroporto, abbattuto e ricostrutito

Erano tutti in attesa di capire cosa sarebbe successo, non solo da parte dell’amministrazione ma soprattutto per i cittadini che ogni giorno utilizzano il viadotto per recarsi al lavoro e non parliamo questa volta dell’aeroporto ma anche di chi va verso Roma e verso il Raccordo e che utilizza questo tratto di strada, come lo utilizzano chi lavora con Isola Sacra ad esempio che utilizza il viadotto per passare il Tevere.

Il sindaco Montino questa mattina in conferenza stampa ha dichiarato: “Siamo in stato di allerta: dopo verifiche Astral sono emerse fragilità su un tratto di 650 metri dalla rampa di accesso fino a via Montgolfier, dove c’è la rampa che sale dalla via Portuense. Probabilmente questo tratto, per una lunga assenza di manutenzione dovrà essere demolito e ricostruito”

Attualmente quindi si aspetta finché non ci sia un piano efficiente riguardante la viabilità per evitare che alcune zone, vedi Isola Sacra, non siano escluse dalla viabilità. Si parla di rotonde da realizzare con una tempistica di circa 45 giorni all’utilizzo della corsia preferenziale che collega Fiumicino a Parco Leonardo, il famoso corridoio C5.

La consigliera regionale Michela Califano

Michela Califano, consigliera regionale del PD alla Regione Lazio ha ribadito che l’intervento da fare sul viadotto non è derivante dai fatti di Genova ma che è stato commissionato a marzo del 2017.

Prendo atto della decisione di Astral sul viadotto dell’Aeroporto. Sulla sicurezza non si transige. Sono però sollevata che l’amministratore unico Mallamo abbia accettato la nostra proposta di attendere la completa percorribilità della viabilità alternativa prima di iniziare i lavori. Per i cittadini del litorale si tratta di una problematica che avrà gravi ripercussioni ma ci metterà a riparo da qualsiasi minimo rischio. Va precisato che si tratta di interventi commissionati a marzo 2017, molto prima della tragedia di Genova, e che rientrano nel naturale stato delle cose.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.