Ponte della Scafa, tempi record per fare l’attraversata

chiuso ponte della scafa



La chiusura del Ponte della Scafa ha praticamente monopolizzato le notizie dell’ultima parte dell’estate. Prima la chiusura immediata da parte di Astral dopo i fatti catastrofici di Genova e successivamente la riapertura a senso unico alternato per permettere alle auto e ai mezzi leggeri di poter arriva da Fiumicino ad Ostia e viceversa senza dover effettuare il giro del Raccordo che ricordiamolo aumenta di circa 30 chilometri all’andata e 30 al ritorno il tragitto dei pendolari.

Ancora c’è chi invece preferisce fare tutto il giro perché, con la riapertura di tutte le attività lavorative e chi è rientrato dalle ferie riprendendo il lavoro, ha aumentato notevolmente il  traffico tanto che la scorrevolezza del giro del Raccordo in alcuni orari è la migliore scelta da fare.

Ponte della Scafa, non solo semaforo alternato ma anche l’inciviltà delle persone

Negli orari di punti il tempo per attraversare va oltre i 50 minuti con ritardi enormi per chi deve recasi al lavoro, anche perché non sempre si può anticipare l’orario di uscita da casa la mattina ne tanto meno quella dal lavoro, sta di fatto che in alcuni orari la situazione è drammatica. Sondando chi ogni giorno deve imbarcarsi in quella che ormai è diventata un’impresa epica, il dito viene puntato non tanto sulla vicenda che di per se ha già dei lati nascosti alquanto strani, ma soprattutto sui famosi furbetti del Ponte  e soprattutto per la mancanza di controllo da parte della polizia locale.

Si può accettare il fatto che l’organico non è al 100% ma chi ogni giorno tenta di prendere stradine secondarie, percorrere dei pezzi contromano, sorpassare per poi infilarsi all’ultimo e, ne siamo stati testimoni, scooter e moto che salgono da via Castagnevizza aggirando il new jersey di cemento crea ancora più tilt alla circolazione creando anche situazioni di pericolo e chiaramente fregandosene altamente del rispetto degli altri. Tante persone sono costrette a stare in fila per recarsi al lavoro ed essere civili mantenendo la fila è soprattutto saper gestire l’emergenza e seguire il codice della strada dovrebbe rientrare nella norma ma si sa l’italiano ha la tendenza ad essere un “dritto” per poi vantarsene.

Dall’altra, quello che noi come giornale possiamo fare è quello di fare da cassa di risonanza ribadendo ancora che esiste questo tipo di problematica chiedendo uno sforzo maggiore al comune di Fiumicino e al X Municipio per maggiori controlli e qualora fosse possibile multe e sanzioni esemplari.

Aspettando il 24 settembre giorno in cui il ponte della Scafa sarà riaperto in entrambe le carreggiate per i mezzi leggeri.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.