Riflessioni sul contributo di Autostrade a chi ha perso casa a Genova



La società Autostrade ha messo a disposizione delle famiglie costrette ad abbandonare le proprie abitazioni ubicate sotto le parti del ponte Morandi ancora non crollato, un contributo che varia tra gli 8 ed i 12 mila euro, a seconda del numero dei componenti.

Abitazioni che quasi sicuramente andranno abbattute insieme a ciò che resta del ponte, poiché è praticamente impossibile rimuovere i rimanenti monconi e al tempo stesso far rimanere indenni gli edifici sottostanti.

Pensate a cosa avrà pensato uno dei soggetti interessati da questo atto di Autostrade. Persone che, ricordo, grazie all’assenza di manutenzione da parte della stessa società Autostrade, hanno rischiato di morire e sono state costrette ad abbandonare le proprie abitazioni, senza possibilità di ritorno, così, senza volerlo e dall’oggi al domani.

Immaginate di essere improvvisamente messi fuori da casa vostra perché è pericoloso rimanervi dentro e questo accade non perché c’è stato un terremoto o un atto imprevedibile o legato alla vostra assenza, bensì perché una ricca società non ha effettuato la dovuta manutenzione. Una casa nella quale magari vivete da piccoli e che è stata acquistata dai vostri genitori o da voi dopo una vita di sacrifici.

Vi girerebbero, come minimo, le scatole? Un danno non solo patrimoniale ma anche di carattere affettivo, perché la casa per ognuno di noi rappresenta un porto sicuro, intimo e personale nel quale vivere e condividere la propria vita con chi si ama.

Una devastazione improvvisa del proprio vivere quotidiano che minerebbe non poco l’equilibrio psicologico di chi si trova costretto a viverla.

Questo contributo mi suona offensivo, perché da una società ricca come Autostrade mi sarei aspettato subito, ieri e non oggi, un indennizzo pieno come la consegna di un’abitazione già pronta in una zona sicura della città, insieme ad una congrua somma di denaro a titolo di risarcimento morale.

Autostrade, invece, preferisce dare “contributi” e, consentitemi, continua a deludere e offendere non solo i genovesi costretti ad abbandonare le proprie case.

Questa tragedia figlia del capitalismo continua ad offrire fatti che oscurano ciò che dovrebbe essere una società civile.

 

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 11988 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.