Papa ai giovani: “Siate pellegrini sulla strada dei sogni”



“Siamo arrivati fino Qui: per dirle che le vogliamo bene e desideriamo camminare insieme a lei”. E’ così che hanno salutato Papa Francesco i 70 mila ragazzi riuniti al Circo Massimo dopo il pellegrinaggio che li ha portati a Roma per vivere due giornate di festa e preghiera in vista del Sinodo a loro dedicato e in programma dal 3 al 28 ottobre.

Festa e preghiera

Stanchi ma non fiaccati dal caldo di questi giorni e dal cammino i ragazzi di tutta Italia hanno cantato la loro gioia in attesa dell’arrivo di Papa Francesco e, soprattutto, ascoltato la sua voce quando ha risposto alle domande di tre di loro che, dal palco, hanno presentato le speranze e le insicurezze che albergano il cuore dei giovani: sogni, fedeltà, testimonianza.

Sogni come stelle brillanti

E questo è il lavoro che voi dovete fare: trasformare i sogni di oggi nella realtà del futuro, e per questo ci vuole coraggio. 

Questo il primo degli incoraggiamenti di Papa Francesco rispondendo al desiderio di Letizia e Lucamatteo di poter essere fedeli alle proprie aspirazioni nonostante i pregiudizi di alcuni adulti e la paura del giudizio degli altri:

Sapete? I sogni dei giovani fanno un po’ paura agli adulti. Fanno paura, perché quando un giovane sogna va lontano. Forse perché hanno smesso di sognare e di rischiare. Eh … tante volte la vita fa che gli adulti smettano di sognare, smettano di rischiare; forse perché i vostri sogni mettono in crisi le loro scelte di vita.

E ai giovani, il Papa ha additato il modello di San Francesco “ragazzo del XIII secolo” che con coraggio “ha cambiato la storia dell’Italia. Francesco ha rischiato di sognare in grande; non conosceva le frontiere e sognando ha finito la vita.”

Ma solo con Dio, avverte il Papa, i grandi sogni, non si trasformano in “miraggi o delirio di onnipotenza”.

L’amore non tollera mezze misure

Agli interrogativi di Martina riguardo al discernimento nella propria vita e alla richiesta di adulti come “punti di riferimento”, il Pontefice risponde incoraggiando i giovani a non temere l’amore, ma piuttosto quel “però” che invece ha il potere di “fermare” la vita:

Non abbiate paura di pensare all’amore sul serio, che rischia, all’amore che fa crescere, all’amore fecondo. Rischiate sull’Amore! l’idea di scelta che oggi respiriamo è un’idea di libertà senza vincoli, state attenti, senza impegni e sempre con qualche via di fuga: “Scelgo, però…”. Lei ha messo il dito nella piaga. Quel però ci ferma

La Chiesa senza testimonianza è soltanto fumo

Dove non c’è testimonianza non c’è lo Spirito Santo. A i primi cristiani si diceva “guardate come si amano”. Essere un cristiano non è uno status. Dobbiamo scegliere la testimonianza”. 

Così Papa Francesco, dopo l’intervento di Dario, 27 anni, sulle grandi domande di fronte alla morte, al dolore e agli scandali della Chiesa. Non sempre i perchè hanno una risposta, sottolinea il Papa, e proseguendo sul tema della testimonianza ribadisce:

Dobbiamo scegliere la testimonianza, Gesù ci insegna questa uscita da noi stessi (…) la Chiesa senza testimonianza è soltanto fumo.

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 12094 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.