Parchi zoologici, SOS Elefanti Onlus: liberazione di Maya



I parchi zoologici sono un luogo protetto all’interno del quale i visitatori percorrono
un circuito a bordo della propria auto per osservare gli animali selvatici come in un
vero e proprio safari africano, sebbene oggi si cerchi di incentivarli ad usufruire dei
trenini messi a disposizione dalla struttura con lo scopo di ridurre l’inquinamento,
conservare l’ecosistema e disturbare il meno possibile chi il parco lo abita: gli
animali.

Non è un normale zoo, quindi, ma un luogo molto più grande in cui animali di
grossa e piccola taglia vivono in uno stato di semilibertà che riproduce in tutto e
per tutto il loro habitat d’origine. Il primo parco zoologico della storia risale agli
anni ’50 e fu aperto negli Usa. Una giungla africana di 300 acri di diverse specie
di piante e animali selvatici accoglieva i visitatori che potevano esplorare l’area
a bordo di un trenino turistico.

Un modello successivamente replicato in tutto il mondo che col tempo è andato
a sostituire il tradizionale zoo. Oggi visitare un parco zoologico significa
trascorrere uno o più giorni osservando gli animali e rispettandone la loro
libertà. Una bella occasione per grandi e piccini per apprendere tutto sul loro
comportamento e sul loro modo di vivere… e convivere.

Ma non solo, lo scopo del parco zoologico è anche quello di istruire e
sensibilizzare sulla salvaguardia dell’ambiente e delle specie animali anche
attraverso laboratori didattici ed attività di ricerca dedicate a scuole e famiglie.
Il tema della salvaguardia faunistica ha acquisito maggiore importanza con il
decreto legge 73 entrato in vigore il 21 marzo 2005 con l’obiettivo di “dettare
norme in materia di giardini zoologici finalizzate a potenziarne il ruolo nella
conservazione della biodiversità, allo scopo di proteggere la fauna selvatica e
di salvaguardare la stessa diversità biologica.” Un momento importante che
determinò l’obbligo di licenza da parte dei parchi, il sequestro delle strutture
che non rispettavano le norme e la conseguente chiusura di alcune di queste.

Molte le associazioni che in questi anni si sono impegnate affinché la legge
venisse seguita e applicata ovunque; tra queste, per citarne qualcuna, il WWF,
la più grande organizzazione mondiale per la conservazione di natura, habitat
e specie in pericolo, l’Unione Italiana dei Giardini Zoologici e Acquari UIZA,
l’Associazione Mondiale di Zoo e Acquari WAZA e l’Association of Zoos and
Aquariums AZA.

Il ruolo primario di un parco zoologico di oggi comprende la conservazione
della biodiversità e la salvaguardia delle specie animali dal rischio estinzione attraverso un lungo e complesso lavoro di ricerca e reinserimento nell’habitat d’origine degli animali. Questo succede grazie all’impegno ed alla professionalità di personale esperto e qualificato, come veterinari specializzati e ricercatori, ma anche grazie a chi acquista il biglietto per visitare il parco e che, spesso inconsciamente, contribuisce a finanziare le spese per il nutrimento e la cura degli animali, la manutenzione del parco, la ricerca. Tra i parchi zoologici riconosciuti dalla legge in Italia, circa una cinquantina, il Safari Park Lago Maggiore (Pombia-Novara) si impegna proprio a portare avanti i progetti legati alla tutela degli animali.

SOS Elefanti Onlus

Uno di questi si chiama SOS Elefanti Onlus, una fondazione senza fini di lucro istituita nel luglio 2011 con lo scopo di promuovere la conservazione degli elefanti del Borneo. La missione di SOS Elefanti Onlus è quella di fornire supporto tecnico e finanziario ai programmi di gestione e protezione degli elefanti presenti nelle loro rispettive aree. SOS Elefanti si occupa inoltre dell’assistenza nella gestione di zone protette per elefanti e del supporto alle iniziative di riproduzione in cattività e ai programmi di ricerca condotti nei Paesi di origine dell’elefante del Borneo.

Una parte dell’incasso dell’ingresso al parco viene destinata proprio al finanziamento di SOS Elefanti per l’acquisto di equipaggiamento, nutrimento e tutto ciò che è necessario per la tutela e la conservazione degli elefanti.

Maya al Safari Park Lago Maggiore

Grazie a SOS Elefanti Onlus, lo scorso giugno al Safari Park Lago Maggiore è arrivata Maya, un bell’elefante femmina di razza indiana, la più comune delle quattro sottospecie di elefante asiatico che arriva a misurare fino a 6,5 m di lunghezza per 3 metri di altezza e 5 tonnellate di peso. Classe 1968, Maya sembra portare dentro lo spirito e il carattere forte di chi lotta per conquistare i propri diritti… e lei ci è riuscita!

Liberata a Marsiglia, Maya è arrivata in Italia al Safari Park Lago Maggiore denutrita, con un’artrosi agli arti posteriori ed una brutta infezione all’arto posteriore destro. Da subito nutrita e curata, Maya ha ora una casa e tutto l’amore che fino a pochi mesi fa gli è stato negato. Grazie ad SOS Elefanti nuove stalle e alloggi sono stati costruiti per ospitare Maya, un luogo accogliente in cui si può muovere in tutta libertà senza essere disturbata dal pubblico. In futuro, solo quando Maya sarà pronta, altri elefanti che come lei non sono stati fortunati nella vita, arriveranno a farle compagnia.

Lo staff esperto di Safari Park Lago Maggiore che già negli anni passati si è occupato delle cure e del reinserimento nel proprio habitat di alcune specie animali (ricordiamo il caso delle tigri siberiane Drako e Kuma), sta riservando a Maya una dieta a base di verdure ed integratori che in poco tempo la renderanno più forte. Safari Park Lago Maggiore non ha voluto comunicare immediatamente l’arrivo di Maya per tutelarne la sua incolumità e per proteggerla dall’occhio curioso di un pubblico che, seppur affettuosamente, non vede l’ora di conoscerla e di fare il tifo per lei.

Maya ha bisogno dell’appoggio e dell’incoraggiamento di ognuno di noi! Presto sarà attiva una pagina a lei dedicata sul sito www.safaripark.it.
Seguitela anche sulla pagina Facebook del parco: @pombiasafaripark. E non dimenticate gli hashtag
#sosteniamomaya #soselefanti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.