Campidoglio, presentato il progetto “Mi riscatto per Roma” per il reinserimento socio-lavorativo dei detenuti

campidoglio roma



Si rinnova la collaborazione tra Roma Capitale e Ministero della Giustizia per i progetti di
reinserimento socio-lavorativo in “Lavori di pubblica utilità” che vede il coinvolgimento
dei detenuti della Casa circondariale di Rebibbia.

A presentare il progetto “Mi riscatto per Roma” la Sindaca di Roma Virginia Raggi e il
Ministro della Giustizia Alfonso Bonafede. Presenti l’Amministratore Delegato di
Autostrade per l’Italia Spa Giovanni Castellucci; il Capo Dipartimento
dell’Amministrazione Penitenziaria Francesco Basentini; la Presidente del Tribunale di sorveglianza di Roma Maria Antonia Vertaldi; la Garante dei diritti delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale Gabriella Stramaccioni.

Le dichiarazioni della Sindaca Raggi

Grazie a queste intese proseguiamo con decisione sulla strada della collaborazione tra Roma Capitale, Ministero della Giustizia e Amministrazione Penitenziaria per lavori di pubblica utilità che impegnano i detenuti a favore della collettività. Un percorso che sta dando ottimi risultati. Dopo la sperimentazione di questa collaborazione su parchi e verde, facciamo un passo in avanti con un ulteriore progetto attraverso il quale i detenuti potranno prestare la loro opera in modo volontario e gratuito per mantenere il decoro della città. Un piccolo, ma fondamentale passo, per il reinserimento sociale e lavorativo del singolo, costruito su un nuovo patto con la città e i cittadini, sulla dignità del lavoro e sul valore della persona.

Le parole del ministro della Giustizia Alfonso Bonafede

Stiamo pensando alla creazione di una task force per estendere esperienze del genere, chiamando in causa anche gli altri sindaci. Cominciamo da Roma per arrivare su tutto il territorio nazionale. È una sfida che siamo pronti a sostenere perché la pena deve essere certa ma anche dignitosa. E il lavoro è la chance che possiamo dare a queste persone per reinserirsi nella società.

 

Due gli accordi, che permetteranno di rinnovare per altri 6 mesi il progetto già avviato negli interventi di ripristino del decoro di parchi e giardini, che ha visto i detenuti già impegnati con ottimi risultati nello sfalcio e nella pulizia di aree verdi, dal Parco di Colle Oppio alle aree verdi del Parco Schuster.

Grazie alla Sottoscrizione di Intenti con Autostrade d’Italia Spa, inoltre, i detenuti saranno coinvolti in lavori di manutenzione stradale che riguarderanno ilrifacimento della segnaletica orizzontale, la pulizia delle caditoie, lasistemazione di sedi stradali.

I progetti si fondano su attività di “lavoro volontario e gratuito” e intendono promuovere un percorso di sensibilizzazione al rispetto del bene comune, alla legalità, all’osservanza delle regole, alla convivenza civile.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.