L’istituto Verne di Acilia, primo a sperimentare la riforma del MIUR



L’Iss Giulio Verne di Acilia sarà il primo istituto del Lazio a sperimentare la nuova riforma dell’istruzione professionale approvata dal Miur. Nel comitato tecnico scientifico nazionale è stato chiamato a dare il proprio apporto come manager ed esperto di settore il direttore generale di Anffas Ostia, Stefano Galloni.

La dirigente scolastica dell’Iss Verne, Patrizia Sciarma

Siamo molto lusingati che il MIUR ci abbia scelto per sperimentare la Riforma. Riforma che prevede una serie di novità, a partire un primo biennio unitario nel quale saranno inserite 264 ore di apprendimento personalizzato che già dal secondo anno potranno consistere in percorsi mirati di alternanza scuola-lavoro, stage, tirocini, apprendistato; per arrivare ad un secondo triennio caratterizzato da una crescente professionalizzazione del profilo, legata ai bisogni del territorio di riferimento.

Ne consegue che la collaborazione dell’istituto con associazioni e aziende sarà sempre più stretta. Nella fase di progettazione dei percorsi formativi che stiamo attuando proprio in questi giorni saranno infatti i nostri partner aziendali, come Anffas, a fornirci indicazioni preziose per declinare con estrema precisione le competenze che gli studenti dovranno acquisire per poter competere nel mercato del lavoro, un mercato in continua evoluzione che impone sempre maggiore flessibilità e permeabilità dei percorsi scolastici.

Stefano Galloni nel Comitato Tecnico Scientifico

L’I.I.S. “Verne” ha poi voluto inserire Stefano Galloni nel Comitato Tecnico Scientifico di una
seconda Rete Nazionale, la IPSECOM, che al pari della prima si è aggiudicata il bando MIUR
per la sperimentazione della Riforma in un altro indirizzo, quello dei Servizi Commerciali, nell’ambito del quale l’istituto di Acilia, a forte vocazione inclusiva, sperimenterà il prossimo anno un percorso didattico dedicato al Turismo accessibile e sostenibile.

“Un grande onore poter partecipare a questa impresa – sottolinea Stefano Galloni –

Entrambe le nomine derivano sia dalla portata innovativa del progetto che Anffas Ostia ha
sviluppato con l’istituto ‘Verne’ al fine di specializzare in ambito turistico personale
sociosanitario, sia, più in generale, dalla profonda evoluzione che il Terzo Settore ha
conosciuto a partire dal 2007.

Il tempo che il Miur ha concesso alle due Reti per fornire il loro contributo alla realizzazione
della Riforma è davvero poco, ma le alte professionalità presenti nei rispettivi CTS
certamente potranno far raggiungere un risultato vitale per il progresso del sistema Paese.
Di certo non dovremo più trovarci come oggi a cercare capitale umano per il settore
sociosanitario attingendo da bacini spesso non professionalizzati e addirittura poco
scolarizzati. Se riusciremo a trovare il modo di far parlare alle scuole la lingua e i valori del
sistema welfare, il futuro sarà roseo. Ipotesi diverse non sono previste”.

Informazioni su Emanuele Bompadre 11360 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.