Legambiente su Rapporto Rifiuti speciali 2018



“Il Rapporto Rifiuti Speciali di Ispra e Sistema nazionale protezione ambiente, presentato oggi a Montecitorio, aiuta a focalizzare, insieme al nostro Rapporto Ecomafia che presenteremo il prossimo 9 luglio alla Camera dei deputati, i problemi che il nostro Paese deve risolvere in tempi brevi, soprattutto sul fronte dei rifiuti speciali, la cui produzione continua a crescere – dichiara Stefano Ciafani, Presidente nazionale di Legambiente – Per archiviare la stagione degli smaltimenti illegali dei rifiuti speciali, anche pericolosi, servono interventi mirati non più rimandabili che abbiano al centro quattro questioni chiave: la nuova impiantistica di gestione coinvolgendo il territorio, la semplificazione dei processi di riciclo, la prevenzione dei reati ambientali elevando il sistema dei controlli e aumentando l’azione repressiva. In particolare servono nuovi impianti di gestione da realizzare nelle aree industriali con processi veri di partecipazione e coinvolgimento del territorio, occorre semplificare l’iter del riciclo velocizzando l’approvazione dei decreti “end of waste” da parte del ministero dell’ambiente e senza i quali il recupero di materia diventa una via crucis. Tra gli altri interventi occorre prevenire gli illeciti elevando il sistema dei controlli, completando l’attuazione della legge sulle agenzie ambientali da parte del ministero dell’ambiente con i decreti fondamentali per far decollare il sistema nazionale protezione ambiente”.

 

“Infine – aggiunge Ciafani – per contrastare il traffico e lo smaltimento illecito dei rifiuti, occorre aumentare l’azione repressiva, dopo l’approvazione della legge 68/2015 che ha introdotto finalmente i delitti ambientali nel codice penale e che sta funzionando sempre meglio grazie all’uso che ne fanno Procure e forze di polizia su tutto il territorio nazionale, e mettere in campo una grande operazione di formazione per tutti gli operatori della giustizia. Senza dimenticare l’importanza di istituire un fondo unico nazionale, dove far confluire le sanzioni per gli inquinatori, da reinvestire nella promozione di ulteriori controlli e provvedere alla cancellazione della clausola di invarianza dei costi per lo Stato, perché investire in prevenzione e repressione permette di ridurre più in generale la spesa statale per bonifiche e spese sanitarie”.

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 11488 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.