Finto prete arrestato a Fiumicino, 3 chili di eroina nella borsa del PC

Finto prete arrestato a Fiumicino, 3 chili di eroina nella borsa del PC



Stratagemma quello del finto prete che poteva fa entrare nel paese una grossa quantità di eroina che avrebbe alimentato il mercato della droga del litorale, una droga a buon mercato che sta tornando prepotentemente nello scenario romano.

I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Roma, in collaborazione con i funzionari dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, hanno inferto un altro duro colpo al narcotraffico internazionale individuando, sotto le mentite spoglie del “prete missionario”, uno dei più insospettabili corrieri appartenente ad un’organizzazione dedita all’introduzione di sostanze stupefacenti nel territorio nazionale.

Finto prete fermato al’aeroporto di Fiumicino

Presso lo scalo aeroportuale Leonardo da Vinci, alle prime domande dei Finanzieri
del Gruppo di Fiumicino, il fantomatico uomo di chiesa, con tanto di collarino ecclesiastico, dichiarava, con lo scopo di non destare sospetti, di avere la cittadinanza americana e di essere giunto a Roma, proveniente da Maputo (Mozambico), in transito dall’aeroporto di Lisbona (Portogallo), reduce da un impegnativo viaggio missionario.

Nel corso del controllo dei documenti, i militari scoprivano come la sua vera cittadinanza fosse in realtà nigeriana e che era in possesso solamente di una semplice richiesta di cittadinanza statunitense, mai accolta, che doveva servire esclusivamente ad indurre in inganno i finanzieri.

Tenta la “scomunica” ai finanzieri

Durante l’ispezione dei bagagli al seguito del “finto prete”, questi tentava un
ultimo stratagemma per farla franca e cominciava, al fine di intimorire i militari, ad
esibire la croce che indossava al collo, accompagnando tale gesto con la minaccia di
una “scomunica” nei confronti delle fiamme gialle che, a suo dire, stavano compiendo
un sacrilegio.

I sospetti dei finanzieri trovavano la loro conferma quando, all’interno dell’imbottitura
della borsa porta computer, scoprivano, in appositi doppifondi, circa tre chilogrammi di
eroina purissima, destinata ad alimentare il mercato del litorale romano.
Quanto accaduto pone l’attenzione sulla recrudescenza di un fenomeno sempre
più preoccupante, ovvero il ritorno al consumo dell’eroina, la cosiddetta “droga dei
poveri”, in quanto il costo molto basso, anche 20 euro per una dose da 1 grammo e
addirittura 5  euro per una monodose da 0,1 grammo, ne favorisce la diffusione
soprattutto tra i più giovani.

L’eroina sequestrata avrebbe consentito alle organizzazioni criminali di immettere
sul mercato circa 25.000 dosi che avrebbero garantito ai trafficanti guadagni per oltre 1
milione di euro.
L’operazione di servizio conferma l’impegno della Guardia di Finanza di Roma a tutela
dei cittadini, per il contrasto di ogni forma di criminalità.

Informazioni su Emanuele Bompadre 11524 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.