Prof. Rossi: “Flat tax? Avrebbe dovuto farla la sinistra, ma arriva sempre tardi”

nicola rossi



Il Prof. Nicola Rossi (ex parlamentare Pd, presidente Istituto Bruno Leoni) è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano – Dentro la notizia”, condotta da Gianluca Fabi e Daniel Moretti su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano.

Sulla flat tax

Chi ci guadagna? Dipende da come viene fatta. Deve essere prevista la riforma dell’assistenza, le tasse devono essere coordinate con l’assistenza, cioè il reddito di cittadinanza. Chi sta studiando una cosa, deve studiare anche l’altra. Altrimenti, tra dove c’è l’assistenza e dove c’è il reddito di cittadinanza, ci saranno un po’ di persone che saranno un po’ irritate perché non godranno i risparmi fiscali della flat tax e non vedranno nemmeno il reddito di cittadinanza. E’ quello che è successo agli esodati e a coloro che hanno dovuto restituire gli 80 euro. Certe riforme non possono essere fatte in fretta e furia, bisogna anche decidere di studiare”.

Flat tax di destra?

La prima descrizione della flat tax è del 1932 ed è di Einaudi che non era certo un reazionario –ha spiegato Rossi-. Purtroppo la sinistra arriva sempre tardi. La flat tax potrebbe essere efficace per l’Italia, perché noi abbiamo un problema di impoverimento di tutto il Paese, non solo di disuguaglianza. Uno dei freni alla crescita italiana è un sistema fiscale pesante, complicato e opaco. Quindi una grande riforma fiscale è un passo importante e necessario. Spero però che questa riforma non venga fatta a debito, perché altrimenti la gente pensa sempre di dover restituire le cose che gli sono state date e quindi serve a poco”.

Sulle coperture

Si cerchino, nei 3 mesi che ci sono da qui alla legge di bilancio, delle coperture adeguate. Al momento non si capisce quali coperture ci potrebbero essere. E’ evidente la tentazione del governo di fare disavanzo e non ce lo possiamo permettere.

Il ministro Tria da professore diceva: investire in deficit

Io sono certo che dal momento in cui uno si mette dietro la scrivania di Quintino Sella, cose che da accademico si dicono da ministro si dicono un po’ meno. L’istituzione genera buon senso.

Di Maio assicura che l’Iva non aumenterà

È una buona notizia fino a un certo punto. Questa poteva essere un’ottima opportunità. Noi avremmo bisogno di spostare il carico dalle imposte dirette alle imposte indirette perché sono quelle che fanno meno danni a livello della crescita. Facendo scattare la clausola di salvaguardia ci si priva di un’importante fonte per finanziare la flat tax.

 

Fonte Radio Cusano Campus

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.