Amare è innanzitutto avere coraggio: oltre al cuore ci vogliono le palle



Sull’amore di sicuro ne avete lette tante ma, permettetemi, ho voglia di dire la mia specie sulle scuse che si inventano per non viverlo.

Scuse inventate per non affrontare la realtà, frutto della codardia. Chi inventa scuse per non vivere un amore è un/a codardo/a, poche chiacchiere.

In amore ci vuole coraggio, ci vogliono le palle non solo il cuore e la testa.

Quante volte abbiamo sentito o inventato alibi del tipo “Sarebbe complicato stare insieme, perché sono complicato/a” o “Ho paura di soffrire” o “Ho un’altra relazione”. Beh se sei complicato/a per te non è detto che lo sia anche per gli altri, anzi…Chi ha voglia, poi, di soffrire? Soprattutto se hai un’altra relazione e pensi ad un’altra/o, beh, tutto è tranne che amore…Perdonatemi ma chi trova queste scuse è una persona poco coraggiosa condannata all’infelicità. Persona che consente alla paura di condizionare tutta la sua vita, non solo quella relazionale. La paura, anzi, deve servire da sprono per migliorare e per vivere! La paura, a mio avviso, fa arrendere queste persone e le condanna all’infelicità.

Che vita è quella dove non si permette al cuore di battere forte, con tutto quello che ne consegue? Ah, ma con lei/lui sto tranquillo/a, non mi rompe le scatole…

Raccontatevi pure le favole e vivete le illusioni che vi siete creati; ad un certo punto i castelli in aria che avete costruito, frutto della paura, vi cadranno addosso e sarà dolorosissimo.

Meglio un “no” o un “sì proviamoci”, che il limbo contornato dal guado dove a sguazzare sono solo i timori mentre affoga la possibilità di un futuro migliore.

Per amare così come per lasciare andare, ci vuole coraggio, altro che accontentarsi o il timore di soffrire. La vita stessa è un atto di coraggio ed ai vili non è concesso raggiungere le stelle; devono accontentarsi di guardarle. Che tristezza!

Smettetela, allora, di raccontare e di raccontarvi scuse puerili. Certo, non è facile, ma ricordatevi di osare, sempre!

L’amore, il più bello e sublime dei sentimenti, richiede anche il rischio che si possano vivere attimi di sofferenza; sarà proprio quest’ultima a farne apprezzare la magnificenza.

Se davvero volete qualcuna/o, non esistono ostacoli abbastanza grandi che possano dividervi. Occorre avere il coraggio di buttarsi e provare.

Smettetela di trovare scuse che non vi faranno mai vivere la storia che desiderate e osate!

Osate essere quello che davvero siete e desiderate!

Non andrà sempre bene, ma almeno ne sarà valsa la pena.

Il primo a raccontare e raccontarsi scuse sono stato io; se vi scrivo queste parole è perché ho trovato il coraggio di essere me stesso e di non accontentarmi.

Ho trovato il coraggio di guardare la mia stella e non mi limito a goderne lo splendore; oso raggiungerla.

 

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 12113 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

4 Commenti

  1. Quanto pressappochismo. Parole vuote che lasciano il tempo che trovano. Ma tanto importa solo fare delle proprie esperienze Legge, ed esprimere un’opinione tanto per scrivere, anche se cose parziali e non costruttive, ergo inutili.

    Firmato, una che ha avuto le palle e si è accorta che stava meglio prima, e che soffrirà probabilmente per sempre, ovvero: uno dei miliardi di casi possibili, motivo per cui non mi permetto di parlare di palle.

    Ma tanto gente come Lei sa tutto, “ah se pensi a un’altra persona non è Amore”.

    Ce ne sarebbero di cose da dire, ma sono concetti troppo difficili per gente come Lei.

    • Quando si scrive un articolo di opinione si tratta appunto di opinione se non si è d’accordo pazienza si va avanti e si rimanere della propria idea. Certo è che finire con un “gente come lei” che significa? Trovo che la mania di protagonismo stia dilagando sempre di più. Oggi o la si pensa tutti uguali oppure diventa malvagio? Allucinante!

    • Abbia bontà, ognuno affronta la vita come meglio crede. Proprie esigenze, ed allora? Chi scrive ha una propria vita, un proprio pensiero e delle proprie esperienze, nonchè propri punti di vista.
      Non le piacciono? Ottimo, resti, però, nel perimetro del rispetto. Ribadisco: per amare, per vivere questo sentimento e non magari quello della mera convenienza, occorrono sia il cuore che le palle.
      Alfredo Di Costanzo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.