Diario di una crisi

Diario di una crisi



A molti osservatori politici navigati, italiani e stranieri, non sono sfuggite le  particolarità  che hanno caratterizzato la formazione del sessantacinquesimo governo della Repubblica Italiana. Per restare nel campo del costume basti dire che gli animi  dei competitors si sono surriscaldati spesso nella tarda mattinata, (per intenderci intorno a mezzogiorno),  tornando  calmi nel pomeriggio e decisamente concilianti la sera. Non sono mancati  momenti drammatici che hanno spinto parecchi a cercare titoli di film per sintetizzare le ore convulse che si stavano vivendo quando una soluzione sembrava impossibile. Citiamone alcuni, si è andati da”Incarico e castigo” a “Provaci ancora Matt” passando per “Altrimenti ci arrabbiamo” e adesso che  l’incarico è stato conferito al Professor Conte spuntano “Perfetti Incaricati” e giustamente “Ti presento i miei”.

In sintesi cosa è successo?

Altra cosa che è stata  notata è  il glamour  e lo stile  degli aspiranti  incaricati che sempre impeccabili e freschi di shampoo hanno percorso  in lungo e in largo i saloni del Quirinale mentre Mattarella  si ostinava ad indossare il solito completo grigio”istituzionale. Insomma è stata una crisi atipica e nuova che ha fatto un botto di ascolti  e ha strappato più di un telespettatore ai cosiddetti programmi di evasione ansioso di  vedere come andava a finire. In ballo mutui, tasse e tenore di vita e non è  necessario essere economisti per capire che pure la vita quotidiana, anzi soprattutto quella, dipende da certe scelte.

Ora il governo è formato con l’affidamento dell’incarico al premier Conte, (enigmatico dalla battuta pronta) e la squadra  si avvale anche  di cinque  donne  ministro. Restando però  nel campo delle metafore da film c’è suspence e un filo di tensione  sia per  le  accuse che sono volate  tra le parti  in questi ottantacinque giorni di crisi, sia per i compiti  che attendono il nuovo esecutivo chiamato a rispettare  promesse impegnative. Nel mondo ci guardano, ci consigliano e c’è chi per dirla tutta ci considera un paese ” a rischio”, nonostante i sacrifici durissimi affrontati. Sono le  rinunce compiute  dai cittadini che non bisogna dimenticare e l’happy end  possibilmente dovrà essere fatto di stabilità e sicurezza.

Il trailer è stato interessante, ma  il film vero sta per cominciare…

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.