Caro Mattarella gli italiani sono stufi…



L’articolo 1 della Costituzione italiana sancisce il principio della sovranità popolare in quanto contempla che “La sovranità appartiene al popolo che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione”.

La fonte di legittimazione dei poteri degli organi costituzionali, presidente della repubblica compreso, è proprio la sovranità popolare.

Non esistono, quindi, organi estranei alla sovranità popolare.

E’ grazie alla sovranità popolare che i cittadini partecipano, direttamente o indirettamente, alle decisioni del governo.

Il 4 marzo gli italiani hanno votato ed hanno stabilito che il M5S è il primo partito e che nella coalizione che ha raccolto più voti, la Lega è il partito più votato.

Dopo ottanta giorni, grazie all’accordo tra Luigi Di Maio e Matteo Salvini, Giuseppe Conte è stato incaricato di formare il nuovo governo.

Il presidente della repubblica Sergio Mattarella, però, si è messo di traverso perché non gradisce la figura di Paolo Savona nel ruolo di ministro dell’Economia. Questo perché Savona è euroscettico e sarebbe, quindi, sgradito alla Merkel ed alla lobby finanziaria.

Savona, ricordiamo, sin dal 1992 è stato critico dei parametri stabiliti dal trattato di Maastricht a suo dire troppo rigidi e privi di base scientifica. Non si definisce antieuropeista ed è per l’Europa unita non, però, sotto la bandiera dell’élite di Bruxelles. Ha affermato che l’euro non solo ha dimezzato il potere di acquisto degli italiani ma è anche stato creato dalla Germania per controllare in maniera coloniale gli altri paesi europei. Sempre sull’euro, Savona sostiene che è una creatura biogiuridica costruita male, subordinata a èlite che illudono i popoli. Per l’economista designato come ministro dell’economia, infine, la Germania non ha cambiato la visione del suo ruolo in Europa dopo la fine del nazismo.

Orbene, cosa ha detto di così grave o di così lontano dalla verità Savona?

Inoltre, se oltre la metà degli italiani ha scelto formazioni politiche che hanno una visione dell’Europa non distante da quella descritta da Savona, perché Mattarella si mette di traverso?

Ecco cosa recita, in merito, l’articolo 92 della Costituzione: “Il Governo della Repubblica è composto del Presidente del Consiglio e dei Ministri, che costituiscono insieme il Consiglio dei Ministri. Il Presidente della Repubblica nomina il Presidente del Consiglio dei Ministri e, su proposta di questo, i Ministri”.

Pertanto, proprio in virtù del principio della sovranità popolare, Mattarella non dovrebbe comportarsi, ho questa impressione, come difensore degli interessi tedeschi e delle lobby finanziarie, bensì come tutore degli interessi degli italiani.

Sia chiaro, specie a quei professorini le cui ricette hanno affamato gli italiani, che a furia di tirare la corda, questa si spezza. Mattarella rispetti la volontà degli italiani e non faccia il difensore di chi ci vuole schiavizzare.

Gli italiani sono stufi di questa Europa delle banche e della moneta e non dei popoli. Gli italiani sono stufi di una classe politica ladra, incapace e pronta a trovare la risorse solo per sanare le porcate di alcune banche.

Gli italiani sono stufi di politiche d’invasione di disperati, per creare una guerra tra poveri.

Gli italiani sono stufi di chi non ci garantisce né una sanità decente né pensioni dignitose.

Gli italiani sono stufi del precariato lavorativo che, di conseguenza, rende precaria la vita di chi è costretto a lavorare per 400 euro al mese.

Gli italiani sono stufi, occhio…

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 11715 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.