Villa Ada, il parco pubblico festeggia 60 anni dall’apertura



Domani, 18 maggio, Villa Ada festeggia i 60 anni dalla prima apertura come parco
pubblico. Domenica 18 maggio 1958, infatti, le chiavi dell’area verde sulla Salaria
furono donate dal Demanio dello Stato al Comune di Roma e con una partecipata
cerimonia – alla presenza dell’allora ministro delle Finanze Giulio Andreotti e
del sindaco Urbano Cioccetti – una prima area di 35 ettari dell’ex proprietà
Savoia venne finalmente aperta alla libera fruizione. È possibile rivivere il ricordo
di quella giornata nelle foto e nei video del prezioso Archivio dell’Istituto Luce.

Da quella storica data ci sono voluti altri 39 anni per arrivare nel 1997 – grazie alle
battaglie dei cittadini, delle associazioni ambientaliste e dell’indimenticabile
Antonio Cederna – all’esproprio completo e all’apertura anche della restante
parte privata del parco con la legge per Roma Capitale.

Purtroppo il Campidoglio ha pensato bene di ignorare questo importante
anniversario – da noi segnalato per tempo alla Sovrintendenza Capitolina – e
sessanta anni dopo i pericoli di “privatizzazione” di Villa Ada non sono finiti,
complice il vergognoso degrado del parco che avanza inarrestabile anche con la
desertificazione della foresta urbana più importante d’Europa.

Dopo 60 anni dall’apertura

Per questo, in occasione dei 60 anni dalla prima apertura al pubblico, l’Osservatorio
Sherwood rilancia le priorità di intervento per dare un futuro a Villa Ada: una
gestione coordinata dell’intera area verde; la riaffermazione della tutela conservativa,
del vincolo paesaggistico e della destinazione pubblica degli immobili presenti nel
parco; il coinvolgimento di associazioni e cittadini; un Piano di gestione con investimenti costanti che vada oltre l’approccio emergenziale.

Una rinascita che può partire dall’aggiornamento del mai attuato Piano di Utilizzo, avviando l’istituzione della “Casa del Parco” come luogo di informazione partecipata. È poi irrinunciabile un Piano di assestamento agro-forestale, che preveda la messa a dimora di nuovi alberi. Nell’immediato va garantita la manutenzione ordinaria, fermando il dilagare di mezzi motorizzati, riaprendo i gabinetti Ama, individuando possibili strutture a supporto dei runners ed evitando usi impropri a forte impatto come quelli dei concerti dell’Estate Romana nella penisola del lago grande.

Informazioni su Samantha Lombardi 5275 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*