Stefania Craxi (FI): “In quel contratto vedo dei tratti eversivi che mi preoccupano”

Stefania Craxi



Stefania Craxi, Senatore di Forza Italia, è intervenuta ai microfoni della trasmissione “Ho
scelto Cusano – Dentro la notizia”, condotta da Gianluca Fabi e Daniel Moretti su Radio
Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano.

Stefania Craxi sul contratto di governo M5S-Lega

Non mi piace l’idea di un contratto dal notaio, perché in una Repubblica parlamentare
l’unico notaio è il Parlamento che liberamente decide se dare la fiducia a un governo o
a un programma. Non piace il fatto che ci sia un contratto fissato in punti, perché io
sono di cultura riformista e una politica seria ha il dovere di guardare alla società che
cambia e che cresce e di non fare dei provvedimenti, delle leggi, dei totem inamovibili,
perché la realtà si modifica sotto gli occhi e quindi bisogna avere delle linee di principio
con cui osservare la realtà e le esigenze dei cittadini che possono cambiare nel corso del tempo.

Non mi piace il fatto che non vedo alcuna autorevolezza con cui ci si rivolge all’Europa e noi per ottenere la difesa dei nostri interessi nazionali e un cambio di strada da parte di un’UE troppo germanizzata ed eurocratica, dovremo avere un’autorevolezza necessaria e un’idea chiara di cosa vogliamo ottenere. Temo che proprio su questo tema, questo atteggiamento ci farà fare dei passi indietro tornando ad uno scontro tra sovranisti ed europeisti ideologici, per i quali in Europa non si deve toccare niente.

Stefania Craxi: “Io vengo da un’altra storia”

Io vengo da un’altra storia, la storia di una politica che non si compone di tweet e di televisione, ma dell’incontro e dello scontro anche duro delle idee. Io non vedo nulla di tutto ciò, vedo in questo contratto addirittura dei tratti eversivi che mi preoccupano. Ad esempio vedo delle liste di proscrizione.

Io non sono iscritta a nessuna massoneria, ma la nostra Costituzione dice che c’è libertà di associazione in Italia, la massoneria è un’associazione libera e trasparente, quindi che nessun massone possa partecipare alla vita democratica di un Paese la trovo una norma eversiva. Poi leggo un disprezzo della politica e delle istituzioni, una cultura fatta di moralismo militante e giacobinismo che non mi piace. Questo mi fa dire che l’opposizione a questo governo va fatta senza se e senza ma. Poi naturalmente Forza Italia ha sempre assunto come principio dominante l’interesse del Paese, quindi se ci sarà un provvedimento che va nell’interesse del Paese nulla esclude che sarà votato.

Su Salvini

Sta alla Lega dimostrare che non ha rotto l’alleanza di Centrodestra. Io sto vedendo un sacco di contraddizioni su questo punto, perché il programma non è quello che abbiamo redatto insieme, parlano di governo politico quindi o c’è un’alleanza politica col M5S o col Centrodestra. C’è una cosa che mi dispiace, perché la Lega in questi anni rispetto ad alcune posizioni giustizialiste, quelle del cappio, aveva fatto un’evoluzione positiva, invece vedo che su tutti questi temi giustizialisti sta facendo culturalmente dei passi indietro. C’è il rischio che questo possa separare definitivamente le strade, se si dovesse creare una frattura di tipo culturale e politico.

Sulla riabilitazione di Berlusconi

Berlusconi non aveva bisogno di alcuna riabilitazione perché in politica si è leader e non lo decretano i magistrati. Tecnicamente la riabilitazione apre altri scenari, ma io sono anche convinta che prima o poi ci sarà qualche iniziativa di qualche pezzo della Magistratura che vanificherà questa sentenza.

 

Testo liberamente riproducibile, con citazione della fonte

Informazioni su Samantha Lombardi 5275 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*