Report torna ad Ostia e lancia Romanzo Litorale

Report torna ad Ostia e lancia Romanzo Litorale



Report torna su litorale romano ad Ostia per parlare di nuovo delle concessioni balneari. Dopo lo scontro avvenuto il 20 aprile tra l’inviato del programma televisivo della Rai, e il presidente di Fedebalneari, Report torna ad Ostia per approfondire la questione sulle concessioni degli stabilimenti.
Una questione che da anni imperversa sul litorale e che ha da sempre diviso non solo l’opinione pubblica ma anche gli stessi media. Ostia torna quindi ad essere protagonista in negativo, ormai una normalità per gli abitanti del Municipio X che si sono quasi abituati ad essere protagonisti in negativo sulle pagine dei giornali e sulle trasmissioni TV.

Report e Romanzo Litorale

Una storia iniziata con il commissariamento dopo che l’ex presidente PD Andrea Tassone è stato arrestato per implicazioni in Mafia Capitale e continuata con un exploit dallo scorso novembre dalla ormai famosa testata di Spada e che  è continuata sistematicamente fino a ieri sera con l’ultima trasmissione fatta da Report sulle concessioni degli stabilimenti balneari. Come sappiamo nelle ultime settimane l’amministrazione targata Movimento 5 Stelle ha iniziato la demolizione di alcuni chioschi che gestivano le spiagge libere, la domanda di fondo su cui ruota la trasmissione di Report su Ostia nasce probabilmente proprio da qui, e su come mai ancora oggi nessuno riesce a verificare e soprattutto ad agire sugli illeciti fatti dai diversi stabilimenti balneari e che sono stati dimostrati.

Suburra e i colletti bianchi

Suburra, sia film che serie TV, avevano dato una loro personale interpretazione dei legami tra “colletti bianchi” e la malavita locale fino ad arrivare ai clan mafiosi, fatto sta che, ed è proprio il caso di dirlo, che il Romanzo Criminale oggi si è trasformato o probabilmente si trasformerà in Romanzo Litorale, come ha sottolineato la trasmissione Report su Ostia, e che probabilmente il lato oscuro che c’è dietro le concessioni è più scuro di quello che sembra e che il malaffare è radicato da decenni su tutto il litorale.

Ostia è il calo vertiginoso del mercato immobiliare

A rimetterci ovviamente è Ostia come città, come luogo che è passato dagli anni d’oro in
cui era la regina incontrastata della movida estiva romana a periferia degradata e lasciata
al sbando. Un degrado che ha visto purtroppo un abbassamento generale di tutto il
mercato immobiliare
, l’acquisto casa Ostia è diventato complicato per chi vuole vendere con un calo, confermato da diverse agenzie, che sfiora il 30%. Se poi si analizza la casa vacanze al mare a Roma, Ostia era una delle mete preferite dai turisti che ne approfittavano per vedere le bellezze che questo territorio ha da offrire cominciando dagli scavi di Ostia Antica passando per la pineta monumentale e la Villa di Plinio al suo interno e che anche in questo caso ha visto i turisti spostarsi verso il litorale nord.

Social Network, e i cittadini cosa dicono?

Monitorando i diversi gruppi Facebook legati al territorio esce fuori il malcontento
generale degli abitanti del Municipio X
. La domanda generale che in molti si stanno
ponendo, a cui l’amministrazione pubblica dovrà assolutamente rendere conto, è come mai
siano stati buttati giù i chioschi procurando ancora più degrado sulle spiagge libere (come
dimostrato dalle centinai di foto degli utenti) e invece non si parli delle concessioni degli
stabilimenti e sull’ipotetica chiusura di chi ha fatto abusi e che di fatto ha già iniziato la
stagione balneare in pompa magna. E il lungomuro? Dagli incartamenti risulta illegale ma è
ancora li per quasi tutto il lungomare che ricordiamo è tra i più lunghi d’Europa, i cittadini del
Municipio X potranno prima o poi vedere il mare?

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*